Segway-Ninebot presenta i suoi nuovi 4 monopattini elettrici che accontentano i clienti di ogni età (foto)

Federica Papagni -

Segway-Ninebot, il famoso brand che si è distinto nel settore della micromobilità alternativa, ha recentemente presentato le sue ultime novità pensate per gli utenti di tutte le età e stili. In particolare i nuovi modelli di monopattini elettrici che saranno aggiunti al suo portafoglio sono: AIR T15, MAX G30LE, ZING E8 ed E10

AIR T15

Progettato per essere il monopattino elettrico più compatto e leggero presente oggi sul mercato, l’AIR T15 è il compagno ideale per le proprie scorribande cittadine. Il design futuristico è totalmente rinnovato, dal cruscotto con display LED più grande per una maggiore facilità di consultazione dei dati, alla batteria posizionata sulla pedana e alle eleganti luci LED. Con un singolo ciclo di ricarica (circa 4 ore), il monopattino ha un’autonomia di circa 12km e una velocità massima di 20 km/h anche sui terreni più impegnativi.

Oltre ad essere dotato della certificazione IPX4 e del Sistema di Gestione Intelligente della Batteria (BMS), offre quattro modalità di guida, che si possono cambiare facilmente con un semplice tocco sul parafango posteriore. Quest’ultimo vanta molte funzionalità: ad esempio, serve per accendere e spegnere il mezzo e per cambiare modalità di guida.

MAX G30LE

Dal precedente modello MAX G30 eredita l’attitudine per le lunghe percorrenze. Infatti, è stato realizzato per percorrere lunghe distanze fino a 40 km con una velocità massima di 25 km/h e questo nuovo modello presenta un doppio sistema frenante per offrire più sicurezza e stabilità. Inoltre, la resistenza del mezzo è incrementata anche dalla sua proprietà waterproof, oltre al motore potente capace di salire su pendenze fino al 20%.

ZING E8 e ZING E10

Arriviamo ora a descrivere i due modelli pensati per gli utenti più piccoli, che tra loro presentano caratteristiche tecniche simili ma che si diversificazione per il target di età per cui sono stati progettati. ZING E8 è stato ideato partendo dalle necessità dei bambini tra i 6 e i 12 anni e pesa 7,9 kg, mentre ZING E10 è pensato per i ragazzi fino ai 14 anni e, per le dimensioni leggermente maggiorate, pesa 8,4 kg. I nuovi Ninebot-Segway combinano sicurezza e praticità grazie a 3 freni indipendenti e 3 modalità di guida adattate ad ogni esigenza.

LEGGI ANCHE: Recensione XGIMI Mogo Pro

Per un maggior controllo, sia ZING E8 che ZING E10 dispongono della Modalità Safe per limitare la velocità massima a 10 km/h, garantendo un’autonomia di 10 km (circa 40 minuti di utilizzo). Inoltre, la padana ribassata assicura anche ai più piccoli una perfetta stabilità durante la guida. Il monopattino si ricarica completamente in sole 4 ore e, grazie al Sistema di Gestione della Batteria (BMS), le celle sono preservate da sovraccarico, surriscaldamento e corto circuiti.

In aggiunta il ZING E10 è dotato della certificazione IPX4 e può contare sulle luci ambientali a LED poste al di sotto della pedana che mutano il loro colore a seconda della modalità di guida selezionata: Rosso per la modalità Safe, Blu per la modalità Cruise, e infine Multicolore per la modalità Turbo.

Disponibilità e prezzi

L’acquisto del modelli descritti può essere effettuato tramite il sito Web e le configurazione di prezzo sono le seguenti:

  • Air T15E – 749,99€
  • MAX G30LE – 699,99€
  • ZING E8 – 229,99€
  • ZING E10 – 249,99€
  • Riccardo Gamba

    Ma il senso di proporre monopattini elettrici per bambini quando per legge sotto i 14 anni non li possono usare?

    • Mattia A.

      Eh sarebbe da vedere la situazione nel resto d’Europa

  • leonida73

    “per percorrere lunghe distanze fino a 40 km/h con una velocità massima di 25 km”
    Forse c’è un errorino…..

  • Darioxx96

    Il bms credo lo abbia anche il monopattino più scarso in commercio anche perché senza non riesci a caricare una batteria bene con più celle in serie, quindi inutile ribadirlo 4 volte…. Prezzi folli come al solito e prestazioni mediocri
    Ninebot è la Apple dei monopattini 😂

  • Davide Lapedota

    Ma perché si ostinano a non mettere il freno a disco?