Sostituire SSD e RAM sui macbook con processore M1 è davvero così impossibile? Spoiler: forse no

Enrico Gargiulo

Mentre i tre dispositivi con MacOS lanciati lo scorso anno con processore Silicon M1 continuano a riscuotere enorme successo su scala globale, non possiamo non riflettere su quanto Apple stia muovendosi anche verso schede madre sempre più compatte, con componenti sempre più spesso saldate. Se solo ripensiamo a qualche anno fa, era possibile effettuare un upgrade alla memoria di archiviazione e di RAM, sostituendo le unità predefinite.

Ad oggi, i dispositivi Mac con processore M1 sono stati ritenuti immodificabili, avendo anche loro le componenti saldate, ma ci è giunta voce che l’ingegnere cinese Yang Changshun di Guangzhou sia riuscito nella sostituzione, o quantomeno nella rimozione delle unità di memoria: come mostrato dalle foto che vi riportiamo in coda all’articolo, le componenti sono state dissaldate, liberando gli spazi che potrebbero quindi ospitarne di nuove.

LEGGI ANCHE: Rivoluzione estetica in casa Apple con i nuovi iMac dotati di processore Silicon

È un’operazione non semplice, non sicura e che con certezza invaliderà la garanzia, ma è indubbio che una notizia possa interessare molti e chissà che i colleghi di iFixit non decideranno di rimetterci le mani su per approfondire le ricerche.

Via: 9to5Mac