SpaceX di Elon Musk ritorna all’opera, questa volta senza esplosioni

Massimo Maiorano -

SpaceX, progetto fondato dal ben noto Elon Musk, aveva interrotto i lanci dopo l’insuccesso avvenuto a Cape Canaveral il 1 settembre 2016 quando un serbatoio di ossigeno liquido nel Falcon 9 aveva generato una esplosione, impedendo al razzo di mettere in orbita un satellite associato al progetto Internet.org di Mark Zuckerberg.

Tuttavia, dopo una breve pausa SpaceX ha ripreso i lanci, e questa volta non è mancato il successo. Il lancio è avvenuto alle ore 18:54 italiane dalla base di Vanderberg (California); 2 minuti e 33 secondi dopo il lancio, il primo stadio ha lasciato il secondo, rientrando con successo sulla adibita piattaforma galleggiante nell’Oceano Pacifico, così da poter essere nuovamente utilizzato per future operazioni simili.

LEGGI ANCHE: Snapchat fa sul serio

Compito del secondo stadio era mettere in orbita dieci dei settanta satelliti Next Iridium destinati a sostituire quelli attualmente utilizzati e “vetusti” poiché posizionati tra il 1997 e il 2002. Il successo ha portato un po’ di sicurezza al team SpaceX, segnato dalla spiacevole avventura di Cape Canaveral che aveva leggermente incrinato i rapporti con investitori e credenti nel progetto.

Via: EngadgetFonte: SpaceX