Che stangata per Tesla in Norvegia: multata per aver ridotto la velocità di ricarica della batteria

Filippo Morgante

Secondo quanto emerge, Tesla sarebbe stata condannata a risarcire ognuno dei suoi clienti norvegesi con un corrispettivo di 136.000 corone norvegesi (circa 13.350 Euro), per aver rallentato la velocità di ricarica dei loro veicoli. Si è scoperto che un aggiornamento software del 2019 ha influenzato la durata della batteria nelle Tesla Model S prodotte tra il 2013 e il 2015, scatenando così una serie di denunce da parte dei proprietari norvegesi di Tesla.

LEGGI ANCHE: Google vuole aiutarvi ad usare Foto gratuitamente

In seguito a questo update i clienti si erano lamentati di una diminuzione dell’autonomia e di una velocità di ricarica più lenta presso la rete Supercharger dell’azienda. Tesla non aveva fornito alcuna risposta in merito, e il caso è stato chiuso in favore dei querelanti il 29 aprile. Tesla sarebbe stata condannata a pagare a ciascun cliente della Norvegia circa 13.350 €, e considerando che durante il periodo in questione la Model S è stata venduta in circa 10.000 esemplari, la sentenza sarebbe potenzialmente molto costosa per Tesla.

L’ordine è stato reso noto il 17 maggio, e Tesla avrà tempo fino al 30 maggio per pagare la multa oppure presentare appello al consiglio di Oslo. La casa automobilistica sta affrontando discorsi simili anche negli Stati Uniti, in California del Nord, dove i clienti hanno presentato una class action per la velocità di ricarica troppo lenta dei vecchi modelli.

Via: TheVerge