State tornando a casa e non volete aspettare per farvi un bagno rilassante? Chiedete ad Assistant

Google ha aggiunto il supporto a tanti nuovi dispositivi smart
State tornando a casa e non volete aspettare per farvi un bagno rilassante? Chiedete ad Assistant
Matteo Bottin
Matteo Bottin

Con il passare del tempo gli assistenti vocali stanno aumentando sempre di più la propria compatibilità con nuovi dispositivi. In questo Alexa batte Google Assistant, ma Google non si perde d'animo e continua a lavorarci.

Oggi, infatti, è stato aggiunto il supporto a tanti nuovi prodotti: vasche da bagno, rubinetti, umidificatori e deumidificatori. Grazie a questo supporto, ora è possibile chiedere ad Assistant di eseguire molti più comandi, come il fatto di riempire la vasca da bagno (e anche fino a che livello, se il dispositivo lo supporta), aprire i rubinetti per far uscire una certa quantità di liquido e tanto altro.

Non è che in precedenza questi dispositivi non funzionassero con Assistant: prima era necessario chiedere ad Assistant di interagire con servizi di terze parti. Ora, invece, il supporto è nativo, e dunque non serve basarsi su server esterni per eseguire i comandi.

Ovviamente saranno i produttori a dover integrare il supporto ad Assistant all'interno dei propri dispositivi, ma guardando le linee guida di ogni prodotto non sembrerebbe essere troppo difficile. Ora aspettiamo il passaggio finale: chiedere ad Assistant di tirare lo sciacquone del water senza dover usare le mani (e magari anche abbassare la tavoletta).

Commenta