Una Tesla può fruttare tra i 400 e gli 800 dollari al mese con il mining

Una Tesla può fruttare tra i 400 e gli 800 dollari al mese con il mining
Antonio Lepore
Antonio Lepore

Si può utilizzare una Tesla model 3 del 2018 per il mining delle criptovalute? A dare una risposta ci ha provato Siraj Rayal.

Il sistema escogitato da Rayal ha avuto come base un Mac Mini M1, alimentato da un inverter collegato alla console centrale dall'autovettura. Il meccanismo gli ha permesso di guadagnare una cifra tra i 400 e gli 800 dollari al mese.

Sull'esperimento, hanno espresso la propria opinione diversi esperti, tra cui Alejandro de la Torre, esperto di mining, che ha ribadito l'ovvio: "Bisogna valutare il prezzo dell'energia, e cioè stabilire se è conveniente utilizzare quella prodotta da un veicolo elettrico".

Ovviamente tale prezzo non è fisso a livello globale, e dipenderà da vari fattori ed eventuali promozioni legate alla ricarica delle Tesla, quindi è difficile dire quanti di quegli ipotetici 800 dollari rimangano in tasca a Rayal.

Già altri avevano provato ad utilizzare una Tesla per il mining, ma Rayal, a differenza delle precedenti esperienze, ha evidenziato l'importanza di modificare una parte del computer dell'auto e contestualmente collegare la GPU al motore elettrico della stessa.

Via: Corcom
Mostra i commenti