Tesla presenta i suoi nuovi chip e annuncia Robotaxi, il taxi senza conducente (foto)

Enrico Paccusse - Elon Musk protagonista all'Investor Day di Tesla: "È di gran lunga il miglior chip al mondo". Sarà il cervello pensante di tutte le auto a guida autonoma della società.

Musk lo aveva già annunciato in passato, ed ora è realtà: i nuovi chip prodotti da Tesla sono pronti, e sono già presenti sulle produzioni di Model S e Model X da più di un mese. L’ufficialità è arrivata direttamente all‘Investor Day di Tesla, tenutosi in California, dove la società ha mostrato per la prima volta le immagini del nuovo chip realizzato da Samsung (in allegato qui sotto).

Lo stesso Elon definisce il chip il migliore sul mercato: non solo per il costo di produzione, ridotto di circa il 20% rispetto ai precedenti chip di Nvidia, ma anche per l’ottimizzazione. La capacità di elaborare i dati forniti dai sensori in modo rapido ed efficiente con l’IA dei chip rende il processore migliore anche rispetto alle CPU e GPU general purpose che hanno maggiore potenza di calcolo.

LEGGI ANCHE: Ecco il Model Y (in arrivo nel 2021)

Parlo di chip al plurale perché in realtà sono due, come potete anche vedere dalle immagini. Indipendenti uno dall’altro, sono capaci di operare a 36 trilioni di operazioni al secondo. Ma questo è solo la prima di molte ridondanze, dato che anche l’alimentatore ha un percorso di backup da percorrere in caso di guasto.

“Lidar è una perdita di tempo, chiunque ci si affidi è destinato all’insuccesso” – Elon Musk

Lo stesso Elon Musk conferma che ogni parte del SoC può smettere di funzionare, ma ciò non impedirà alla macchina di guidare grazie a dei percorsi di backup alternativi. Secondo l’eclettico CEO, è molto più probabile che una persona svenga alla guida, piuttosto che veder fallire questo processore.

Nel finale si passa a parlare dei progetti per il futuro, ed è qui che le cose si fanno davvero interessanti con la conferma del Robotaxi, il taxi a marchio Tesla senza alcun conducente, che secondo le previsioni sarà operativo nel 2020 (negli stati che lo permetteranno).

E grazie ai nuovi chip che abilitano lato hardware la guida autonoma completa, non saranno solo dei veicoli dedicati a portare a termine il servizio di taxi, ma anche le macchine messe a disposizione dai loro proprietari. Tramite il Tesla Network, gli utenti potranno condividere i propri mezzi ed essere ricompensati ogni volta che questi vengono usati.

LEGGI ANCHE: Galaxy S10 e S10 Plus si aggiornano

Vorrebbe dire essere pagati come un conducente di Uber senza dover neanche guidare. Secondo Musk, il profitto annuale lordo potrebbe aggirarsi intorno ai 30.000 dollari, e renderebbe “economicamente insensato comprare macchine che non siano Tesla”. La società prevede di avere oltre 1 milione di Robotaxi entro il 2020.

Ultima nota che ci spinge verso un futuro ancora più lontano e difficile da immaginare fino a pochi anni fa. Con il miglioramento esponenziale del software, associato ad un hardware già pronto alla guida autonoma, presto non ci sarà neanche più bisogno di pedali o volante. Musk si aspetta che questo passaggio avverrà al massimo tra tre anni, ma ha fatto be capire di non avere problemi ad accelerare. Noi non vediamo l’ora, voi?

Via: TheVerge