TomTom GO Basic è un nuovo navigatore che è ‘basic’ nel prezzo, ma non nelle funzionalità

Edoardo Carlo Ceretti

TomTom ha appena presentato GO Basic, l’ultimo esponente della sua celebre serie di navigatori, che sta tentando di ritagliarsi un suo spazio dopo la sempre più capillare diffusione degli smartphone. Per farlo, non si limita semplicemente a guidarvi da un punto A ad un punto B, sfruttando le proverbialmente ottime mappe TomTom, ma integra anche una serie di funzionalità avanzate, tutt’altro che basic.

Disponibile in due varianti, con display da 5″ e da 6″, TomTom GO Basic è dotato della connettività Wi-Fi per il download OTA degli aggiornamenti relativi alle mappe – dotate di licenza a vita – ed è anche in grado di interfacciarsi con il vostro smartphone, per mostrarvi le anteprime delle notifiche ricevute, riducendo il rischio di distrazioni dalla guida.

LEGGI ANCHE: Da Unieuro doppio sconto: -5% in carrello e buono PayPal da 20€

Sono inoltre presenti gli aggiornamenti sul traffico e una prova di tre mesi del servizio TomTom Autovelox e Tutor. TomTom GO Basic è inoltre capace di imparare dalle vostre abitudini fornendovi previsioni via via più accurate, inoltre con TomTom MyDrive, è possibile pianificare facilmente i viaggi prima di salire in auto, creare percorsi, controllare il traffico in tempo reale e salvare i preferiti da smartphone, tablet o PC.

La dicitura basic rispecchia dunque soprattutto il prezzo di vendita di questo nuovo interessante navigatore: TomTom GO Basic in versione da 5″ è infatti disponibile al pre-ordine sul sito ufficiale al prezzo di 159€, mentre per la variante da 6″ si sale a 179€.

  • Assolutamente inutile: a quel prezzo meglio uno smartphone muletto da usare solo come navigatore (per Internet si può usare l’hotspot del telefono principale o le mappe offline dell’applicazione stessa TomTom o HERE Maps).

  • CrazyRoby81

    Articolo molto interessante! Fa piacere vedere un prodotto dal rapporto qualità-prezzo ottimo e soprattutto una recensione di tale prodotto. Utilizzo ovviamente lo smartphone ma sono convinto che un navi possa ancora dire la sua se si interfaccia ad un prezzo ragionevole. È sempre la solita storia del dispositivo che fa una funzione e la fa al meglio. Penso che ci farò un pensiero. Bravo.