Un bug ha permesso ad alcuni sviluppatori di accedere ai dati Facebook e Twitter degli utenti

Enrico Paccusse Sono stati coinvolti "centinaia di utenti"

Non correte sui commenti a prendervela con Mark Zuckerberg, stavolta Facebook (e anche Twitter) ha poche colpe: il leak dei dati non è stato causato da una vulnerabilità del loro software, ma da un problema con l’SDK di alcune app.

È così che centinaia di utenti si sono ritrovati inconsapevolmente a concedere l’accesso ad alcuni dati proprietari accedendo tramite uno dei due social in questione in una delle applicazioni incriminate: One Audience, Mobiburn, Giant Square e Photofy (i dati estrapolati sono dipesi dalle autorizzazioni concesse alle applicazioni).

LEGGI ANCHE: Facebook vi pagherà per rispondere ai sondaggi

Parliamo al passato perché questo pericolo non è più concreto, dato che Facebook e Twitter hanno preso azione immediata, rimuovendo gli accessi a tali applicazioni e rivolgendosi a Google (ed Android) così che “possano effettuare ulteriori controlli, se necessario“.

Via: The Verge