Uno sguardo all'hacking degli anni '80

Uno sguardo all'hacking degli anni '80
Lorenzo Fantoni
Lorenzo Fantoni

id="paragraph0"

Maryl Alper della USC' Annenberg School for Communication and Journalism ha scritto un interessante saggio su queste riviste, che vivevano in un'era in cui l'hacking e gli hacker non erano ancora visti come una minaccia, ma come un modo imparare qualcosa e scoprire un mondo.

L'analisi della Alper in particolare evidenzia come in molte di queste riviste ci si dia un gran da fare per capire cosa esattamente fosse un hacker, se era il termine giusto, e definendo un codice di condotta basato sulla curiosità, sulla scoperta, tralasciando in parte le questioni morali.

L'immagine che abbiamo degli hacker, geni del computer, ma anche lupi solitari contro il sistema, deriva in parte da queste riviste e da film come War Games, anche se i computer, e quelle riviste, all'epoca erano soprattutto un affare per ragazzini benestanti, visto che le riviste pubblicizzavano cose che solo le loro famiglie potevano permettersi.

id="paragraph2"

id="paragraph6"

Commenta