Il vostro smart speaker potrebbe salvarvi la vita in caso di attacco cardiaco

Matteo Bottin

Nella grande maggioranza dei casi gli attacchi cardiaci hanno luogo in casa, e spesso le vittime non hanno la possibilità di chiedere aiuto. Una ricerca dell’Università di Washington, però, ha avuto un’idea molto interessante che potrebbe salvare la vita di molte persone.

La ricerca ha portato alla creazione di una IA “di prova” che è in grado di analizzare l’audio in entrata per trovare eventuali segnali dell’arresto cardiaco (come un respiro affannoso). Inizialmente la IA chiederebbe aiuto alle persone vicine, e se non dovesse ricevere risposta chiamerebbe il 911.

Per il training della IA sono stati usati dei campioni di chiamate al 911 e in queste è stato estratto il suono caratteristico del respiro affannoso tipico dell’arresto. La IA ha un tasso di errore del 0,22% se analizza un singolo evento, e l’errore scende praticamente a zero quando si analizza un periodo di 10 secondi.

LEGGI ANCHE: Batterie che rendano più del doppio di quelle attuali: la nuova sfida di Nokia con vista sul 5G

Per ragioni di privacy ovviamente non vedremo questa ricerca applicata agli speaker domestici come Google Home o Amazon Echo, ma potrebbe essere implementata questa IA all’interno di dispositivi per la salute, come sensori cardiaci o altri dispositivi smart, per aiutare le persone anziane.

Via: EngadgetFonte: Università di Washington