Entro fine anno WhatsApp, Facebook Messenger e Instagram verranno unificati: ecco come

Giuseppe Tripodi - Le app continueranno ad essere separate, ma le chat unificate: ad esempio, da WhatsApp si potrà scrivere ad un contatto che ha solo Instagram.

Il New York Times ha pubblicato un lungo e dettagliato report che descrive i piani di Mark Zuckerberg per le app di messaggistica che orbitano intorno Facebook: secondo quanto riferito, le infrastrutture di WhatsApp, Instagram e Facebook Messenger verranno presto unificate. Quattro dipendenti dell’azienda (che ovviamente hanno preferito restare anonimi) hanno raccontato al New York Times di questa enorme operazione, che dovrebbe essere completata entro fine anno (o, al massimo, entro i primi mesi del 2020).

Se tutto fosse confermato, si tratterebbe davvero di una manovra lunga e complessa: i tre servizi rimarranno indipendenti e continueranno ad essere app serparate, ma l’infrastruttura verrà unificata. Ad esempio, chi ha solo WhatsApp potrà comunicare con chi ha solo Instagram, poiché la piattaforma di messaggistica sarà unica.

Secondo quanto riferito, Zuckerberg ha dato chiare disposizioni che tutte le app adottino la criptazione end-to-end (attualmente presente solo su WhatsApp), ma non è chiaro come questo modificherà i servizi: attualmente, infatti, Facebook Messenger e Instagram conservano una copia dei messaggi sui server, cosa che non avviene su WhatsApp (proprio per conformità alla criptazione end-to-end, che prevede che i messaggi siano salvati solo sui dispositivi, e non sul cloud).

LEGGI ANCHE: Almeno un terzo dell’intera popolazione mondiale usa app di Facebook

L’articolo del New York Times riporta che Zuckerberg rifletteva su questa idea da mesi, e che questo abbia contribuito ad incrinare i rapporti con i fondatori di Instagram (Kevin Systrom e Mike Krieger), che hanno lasciato Facebook a settembre seguendo Jan Koum e Brian Acton, fondatori di WhatsApp, che avevano abbandonato la nave per ragioni simili.

Sembra che Zuckerberg non abbia ancora chiare intenzioni su come monetizzare questa integrazione, ma nonostante questo il piano è chiaro: legare ancora di più gli utenti alla piattaforma, massimizzando i risultati di tre delle app di messaggistica più usate al mondo. In questo modo, infatti, Facebook potrà “entrare” anche in paesi in cui solo uno dei tre servizi è diffuso: ad esempio, WhatsApp ha una buona diffusione nel Sud-est asiatico, dove Instagram e Facebook non godono di una popolarità come in occidente. Tuttavia, unificando i servizi, Zuckerberg si assicurerà una presenza importante in tutto il mondo, andando a competere con servizi di messaggistica più trasversali come iMessage di Apple o le varie chat di Google.

Inoltre, un altro vantaggio riguarderà il Marketplace: mettendo un oggetto in vendita su Facebook, si potrà essere contattati anche da chi non è iscritto al social network ma utilizza WhatsApp o Instagram.

Il New York Times solleva potenziali dubbi anche in merito a come verrà gestita la privacy: attualmente, infatti, WhatsApp è l’unico servizio a richiedere esplicitamente un numero di telefono per funzionare, mentre Facebook – in alcuni casi – può richiedere la verifica dell’identità tramite un documento. Unificare questo genere di informazioni in un solo profilo, potrebbe sollevare nuove questioni legate ai dati personali.

In ogni caso, sembra che la decisione sia stata presa e che Zuckerberg abbia stabilito che unificare le piattaforme di messaggistica sarà una priorità dell’azienda per il 2019. E noi non possiamo negare una certa curiosità per vedere come cambieranno i tre servizi una volta che l’infrastruttura sarà unificata.

Via: New York Times