Addio codici e lettere: ora il protocollo Wi-Fi si riconosce al volo grazie ad un semplice numeretto

Vezio Ceniccola

Le specifiche delle connettività di rete non rientrano nella cerchia delle informazioni facilmente interpretabili dall’utente medio, soprattutto quando si parla di soluzioni wireless. Per questo, la Wi-Fi Alliance ha deciso di apportare importanti modifiche alle denominazioni commerciali dei protocolli Wi-Fi, che da ora saranno riconoscibili a colpo d’occhio anche dai meno avvezzi al mondo della tecnologia.

Da ora in poi, per identificare le diverse tecnologie di rete integrate nei dispositivi come modem, router, smartphone, notebook o altro ancora, sarà sufficiente leggere il numero identificativo della versione Wi-Fi supportata. La corrispondenza delle versioni è quella indicata dallo schema che trovate di seguito:

  • Wi-Fi 4: 802.11n (2009) – fino a 600 Mb/s (2,4 GHz e 5 GHz)
  • Wi-Fi 5: 802.11ac (2013) – fino a 3 Gb/s (5 GHz)
  • Wi-Fi 6: 802.11ax (2018) – fino a 10 Gb/s (2,4 GHz e 5 GHz)

In questo modo, sarà molto più semplice capire la generazione del protocollo utilizzato (4, 5 o 6), senza dover ricorrere al suo nome standard con codici e lettere (802.11n, ac o ax), che può generare molta più confusione per gli utenti meno esperti.

Per rendere ancora più chiaro il passaggio, sono stati introdotti anche nuovi loghi e nuove icone che riportano i numeri della versione Wi-Fi. Tali icone compariranno nelle schermate di sistema dei dispositivi, in modo da poter dare una chiara indicazione all’utente sulla velocità della rete a cui vogliono connettersi. Potete vedere vari esempi d’utilizzo nelle immagini riportate nella galleria a fine articolo.

LEGGI ANCHE: La sicurezza delle reti Wi-Fi fa un passo in avanti

I primi dispositivi a presentare le nuove certificazioni dovrebbero arrivare sul mercato all’inizio del prossimo anno, in corrispondenza del lancio commerciale del nuovo standard Wi-Fi 6, sinora conosciuto col nome di 802.11ax. La diffusione delle nuove denominazioni dei protocolli di rete sarà sempre più ampia nei prossimi mesi, sperando che tutte le maggiori aziende tecnologiche scelgano di adottare questa nuova ed intuitiva forma di riconoscimento.

Via: The VergeFonte: Wi-Fi Alliance
  • L0RE15

    numeretto?! Alle volte mi sembra di leggere articoli per bambimi dell’asilo…

    Trovo inutile queste modifiche: la gente comune da “foto-whatsapp-facebook-giochi” non sapeva prima, non sa ora e non saprá anche in fututuro le differenze…per tutti gli “smanettoni”, invece, ha poco senso metere un numero in luogo di un o due lettere…

    • pietro smusi

      Commenti a caso da ignorare bellamente…ah beata ignoranza

      • Stefano C.

        Secondo me, invece, al di là delc modo un po’ generico con cui sono indicate, ha comunque abbastanza ragione.. Già prevedo gente che nei supermercati dirà “ah non so, la scatola di questo segna 5, vuol dire che porta solo 5 metri? un 10 non c’è?”.. “Ma se io ho 6 dispositiv anziché 5, cosa succede?”
        E purtroppo, è gente che (giustamente con altri interessi, così come io non ne saprò mai nulla sulle modalità delle mungitrici automatiche in fattoria, per dire) nei 10 minuti di pausa pranzo di certo non va a cercarsi articoli come questo…

        Con questo non voglio criticare l’articolo, sia chiaro, voglio solo dire che passare da “cosa vuol dire N sulla scatola” a “cosa vuol dire 6 sulla scatola”, non è che sia cambiato molto per l’80% delle persone di ogni età

        • pietro smusi

          Che la gente si documenti prima di comprare…è comunque una dicitura infinamente piu comoda

      • L0RE15

        l’ignoranza sarà la sua a cui piace parlare come dei bambini di 5 anni.

        • pietro smusi

          Libero di esprimerti, io continuo a pensare che sei ignorante dato le cavolate che scrivi..

          • L0RE15

            é lei che ha scritto “da ignorare”: le ricordo che il confronto, specialmente con chi ha idee diverse, é fondamenfale. Lei si posto, da subito, male. Poi, ovviamente, é liberissimo di pensarla in maniera diametralmente dal mio credo: io non ignoro mai nessuno, lei sì (e si vede visto che offende solo senza argomentare). Auguri.