Xiaomi abbandona la realtà virtuale ma Oculus Go non ne risentirà

Lorenzo Delli

Se pensate che non ci sia un nesso tra Xiaomi e Oculus Go è perché probabilmente non vi ricordate che Facebook (e di conseguenza Oculus), per lanciarsi nel mercato consumer con un visore stand-alone adatto a tutti, scelse proprio Xiaomi come partner per la realizzazione del visore in questione. All’epoca uscirono Oculus Go e Xiaomi Mi VR, uno pensato per il mercato globale, l’altro per la Cina, entrambi comunque nati dalla collaborazione tra i due colossi.

Da quanto emerso da un report, Xiaomi avrebbe completamente abbandonato la strada della realtà virtuale, sciogliendo il team che si occupava dell’ultimo visore VR prodotto dall’azienda. Lo stesso team, composto da oltre una dozzina di elementi, era anche responsabile del mantenimento e dell’evoluzione della piattaforma. Ciò significa che Oculus Go è destinato ad una morte lenta e dolorosa? Non proprio.

I colleghi di Venture Beat hanno contattato direttamente Facebook per chiedere lumi a riguardo. Il portavoce di Facebook non ha commentato la mossa di Xiaomi, ma ha comunque confermato che Oculus e Facebook continueranno a produrre e a supportare Oculus Go, mantenendo informata la community a riguardo di novità software o hardware. Non è comunque da escludersi che Xiaomi torni in futuro ad occuparsi di realtà virtuale, ma a quanto pare la collaborazione con Oculus e il lancio di un visore dedicato anche in patria non ha ripagato gli sforzi.