Xiaomi si quota nella borsa di Hong Kong con un’offerta pubblica valutata 54,3 miliardi di dollari

Edoardo Carlo Ceretti

Il 9 luglio è una data che rimarrà nella storia di Xiaomi. Dalla piccola start-up con 13 dipendenti quale era nel lontano 2010, il produttore cinese è cresciuto esponenzialmente negli anni ed è ora pronto a spiegare le ali e a spiccare il volo nella porzione di cielo riservata a poche elette super multinazionali con quotazioni monstre.

Da tempo infatti Xiaomi era attesa al grande passo della quotazione in borsa e quel momento è giunto: il mercato finanziario di Hong Kong la aspetta a braccia aperte, forte di un’offerta pubblica iniziale (IPO) valutata attorno ai 54,3 miliardi di dollari, che farebbe entrare Xiaomi di diritto nella top 3 della storia dei titoli in ambito tech.

LEGGI ANCHE: Sarà davvero questo il nuovo Xiaomi Mi MIX 3?

E non poteva essere altrimenti, visto il clamoroso boom del 2017, chiuso da Xiaomi con un fatturato pari ad oltre 14 miliardi di euro. Ma non si è trattato di un caso isolato, perché la crescita negli anni è stata solida e costante, frutto di una politica di investimenti coraggiosa, che le ha permesso di diventare uno dei maggiori colossi tecnologici in Cina, di conquistare il primato in India e di rivaleggiare con giganti del calibro di Samsung, Apple e Huawei persino nel mercato internazionale.

Oggi Xiaomi è un’azienda che non ha perso le ambizioni che l’hanno guidata sin dalla sua fondazione e che hanno permesso agli investitori iniziali di ottenere un ritorno economico di quasi 900 volte superiore. I dipendenti sono oltre 7.000 e gli orizzonti da esplorare sono ancora tanti. Grazie alla quotazione nella borsa di Hong Kong, Xiaomi potrà imprimere ancora maggiore forza alla sua ascesa. I rivali sono avvisati.

Fonte: Xiaomi
  • Oreste Peruzzo

    Grande Xiaomi!!!

  • m Arch Tom’s on Bar N Ass

    e’ buona norma restar sempre sulla stessa strada di chi e’ ” primo in classifica ” per poter continuare ad ascendere e non raggiungere mai quella fase ( nel tempo e nello spazio ) che coincide con l’inizio del declino.

    l’apice coincide sempre con l’inizio di ” qualcosa di nuovo ” , la discesa.

  • marcelo marc

    e’ buona norma restar sempre sulla stessa strada di coloro che sono ” primi in classifica “, per ascendere sempre e in modo perpetuo, e’ indispensabile non raggiungere mai quel momento che ( nel tempo e nello spazio ) coincide con l’inizio del declino.

    il momento culminante coincide sempre con l’inizio di ” qualcosa di nuovo “, la discesa.