Xiaomi non accetta criptovalute, ma un Mi Store in Portogallo sì (foto)

Xiaomi non accetta criptovalute, ma un Mi Store in Portogallo sì (foto)
Vincenzo Ronca
Vincenzo Ronca
Aggiornamenti

Negli ultimi tempi si è parlato spesso della diffusione delle criptovalute come metodo di pagamento in alcuni e importanti servizi di pagamento, come PayPal ad esempio in specifiche regioni geografiche.

Nelle ultime ore la cosa sembrava aver investito anche Xiaomi, grazie ad alcune novità riferite da un Mi Store in Portogallo. Come vedete dallo screenshot in galleria, tale Mi Store aveva pubblicato un post su Facebook nel quale affermava di accettare criptovalute, quali Bitcoin, Ethereum, TEDA e Dash, per i pagamenti dei prodotti in vendita.

Allora possiamo dire che anche Xiaomi accetta le criptovalute? No.

Successivamente il Mi Store portoghese ha rimosso il post e ha precisato di essere un partner di terze parti di Xiaomi. L'azienda cinese si è detta anche preoccupata della scelta del Mi Store portoghese. In sostanza, la strategia scelta dal punto vendita in Portogallo è esclusivamente locale e non rientra nei piani generali di Xiaomi.

Pertanto le forme di pagamento accettate dal Mi Store in Portogallo non coincidono necessariamente con quelle accettate da Xiaomi.

Aggiornamento

Riceviamo e volentieri pubblichiamo la dichiarazione ufficiale di Xiaomi in merito

È giunto alla nostra attenzione che su una piattaforma di social media, Mi Store Portogallo ha pubblicato informazioni sull'accettazione di criptovalute come metodo di pagamento sul loro canale.

Xiaomi Corporation desidera chiarire che Mi Store Portogallo e i canali social associati sono gestiti da uno store di terze parti. Pur rispettando e comprendendo la legittima autonomia operativa degli store di terze parti, la decisione di accettare criptovalute è stata presa a nostra insaputa e non ha alcuna attinenza con Xiaomi Corporation.

Via: GizChina

Commenta