Xiaomi presenta la rivoluzionaria tecnologia One Finger Link con UWB, pensata per controllare i dispositivi smart (video e foto)

Federica Papagni -

Xiaomi ha ufficialmente presentato una nuova tecnologia pensata per il controllo dei dispositivi smart chiamata “One Finger Link” con UWB, ossia banda ultralarga. Con questa tecnologia, il proprio smartphone potrà individuare tutti i dispositivi intelligenti in possesso con una precisione centimetrica, e poi ovviamente controllarli semplicemente puntandolo verso di loro.

Per riuscire nell’intento, sia i telefoni che gli smart device devono avere antenne array incorporati e un chip UWB, che vanta una larghezza di 500 Mhz per trasmettere informazioni e migliorare la precisione del posizionamento. Questa tecnologia dimostra anche ottime prestazioni di sicurezza grazie alle sue caratteristiche di banda ultra larga e impulso stretto, rendendo i suoi segnali estremamente difficili da intercettare nello spazio.

LEGGI ANCHE: Tutto quello che c’è da sapere sull’Amazon Prime Day 2020 in Italia

Per il controllo, la tecnologia sfrutta l’interazione “Point to connect” che, come già detto in apertura, consente di controllare qualsiasi dispositivo smart con il proprio smartphone puntando quest’ultimo verso di loro (la connessione tra i due avviene in automatico) e attivarli (o disattivarli) solo con un tocco. Ma questo è solo un piccolo assaggio di quello che la tecnologia UWB di Xiaomi può offrire. Infatti, l’azienda per il futuro mira ad eliminare lo stesso tocco per consentire un’interazione libera dai movimenti. Per meglio comprendere il concetto è stato proposto l’esempio dell’apertura dello sportello di un’auto: quando ci si avvicina al veicolo, il proprio telefono rileva lo sportello e lo apre automaticamente, senza bisogna di muovere un muscolo.

Per ora l’azienda è riuscita a incorporare questa tecnologia nella nella serie Xiaomi Mi 10 e in alcuni elettrodomestici intelligenti già in commercio, e nel video qui sotto potete vederla in azione.

Video

Immagini

Fonte: Blog Xiaomi
  • Stefano Mastrocinque

    Tanta roba, ma devono creare protocolli comuni i vari produttori, o saremo nel caos più totale