Zoox presenta la carrozza più autonoma di sempre e Amazon ringrazia (video)

Filippo Morgante

Zoox, società di auto a guida autonoma che Amazon ha acquistato a giugno 2020, ha finalmente rivelato il suo robotaxi dopo sei anni passati tra prototipi e segreti. A giudicare dalle immagini, le forme ricordano molto quelle di altri veicoli autonomi di case automobilistiche e startup della Silicon Valley. La forza di questa vettura risiede però nelle caratteristiche di spicco in quanto a tecnologia.

LEGGI ANCHE: Cambio alla guida (autonoma) per Project Titan di Apple

Il design richiama molto le forme di una carrozza a quattro ruote completamente elettrica. Lunga solo 3,63 metri, può trasportare al suo interno fino a quattro persone. Per differenziarsi dalla concorrenza, Zoox ha passato gli ultimi anni a lavorare sulla capacità di guida bi-direzionale sia in avanti che all’indietro e sia da un lato che dall’altro. Grazie a questa, combinata alle quattro ruote sterzanti, Zoox afferma che il suo veicolo sarà in grado di gestire molto agilmente anche le manovre più complesse. Il robotaxi è alimentato da un pacco batterie da 133kWh, con un’autonomia dichiarata di 16 ore in uso continuo. Questo dovrebbe essere inoltre il primo veicolo del suo genere a poter viaggiare fino ad una velocità massima di 75 mph (circa 120 km/h).

In quanto a tecnologia non è secondo a nessuno. Per garantire la massima sicurezza sono presenti ben 6 sensori LIDAR in cima alla vettura, oltre a diversi sensori radar e telecamere. L’insieme di queste apparecchiature fornisce una visione a 270 gradi per ogni angolo, eliminando virtualmente gli angoli ciechi e fornendo una ridondanza in caso di guasto a un sensore. Ma non è finita qua, perché gli oggetti circostanti vengono riconosciuti fino a 150 metri di distanza. Gli interni del veicolo sono dotati di accoglienti sedili a panchina rivolti verso l’interno e provvisti di innovativi airbag. Per ogni sedile ci sono porta bibite e postazione per la ricarica wireless, oltre a un piccolo touchscreen che i passeggeri useranno per controllare ciò che li circonda. Infine il soffitto è decorato con un motivo a cielo stellato.

Amazon e Zoox sperano che questo rappresenti il mix vincente per raggiungere il loro obiettivo di creare un servizio di ride-hailing autonomo. Ma la vera domanda che ci poniamo è: sarà in grado di fare i parcheggi “a esse”?

Via: The Verge