Addio all’emozione di scartare un nuovo videogioco? Entro il 2022 il mercato sarà tutto digitale

Edoardo Carlo Ceretti Secondo un recente report di Piper Jaffray, nel giro di 4 anni il cloud e i servizi di streaming soppianteranno completamente i supporti fisici.

Michael J. Olson e Yung Kim, analisti di Piper Jaffray, hanno recentemente elaborato una nuova previsione sul prossimo futuro del mercato dei videogiochi, destinata a far discutere gli appassionati. Secondo il report, già nel 2022 non ci sarà più spazio per i giochi in edizione fisica, travolti dal digitale e dagli arrembanti servizi di streaming.

In effetti, se pensiamo a come sono cambiate le abitudini dei videogiocatori negli ultimi 10/15 anni e diamo uno sguardo al mercato attuale, sembra trattarsi di una strada già segnata. I tempi delle lunghe sessioni in single player, dei pomeriggi di sfide con gli amici in multigiocatore locale e dell’attesa per mettere le mani sulla copia del nuovo gioco tanto agognato – strappando la plastica protettiva e assaporando l’odore dei cartoncini illustrativi – sembrano ormai lontani ricordi.

LEGGI ANCHE: The Crew 2 è disponibile per PC e console

Il settore dei videogiochi si è spostato online, non soltanto nelle sfide ai giocatori di tutto il mondo, ma anche nell’acquisto di giochi e relativi contenuti aggiuntivi. Il passo successivo non potrà che essere quello del 100% digitale e dei servizi di streaming, che assicureranno maggiori introiti complessivi all’industria videoludica, cambiando definitivamente l’approccio dei fan alla propria passione. Se il punto di arrivo non è in discussione, cosa ne pensate invece delle tempistiche? Il 2022 vi sembra ancora troppo prematuro per la svolta full digital, oppure potrebbe essere una data realistica?

Via: Multiplayer, Gaming Bolt
  • Giovanni Basciano

    L’ambiente ringrazia, i collezionisti un po’ meno.

    • Leonardo dePinto

      In realtà l’ambiente non rigrazia dato che ci saranno 88118381838373828 server in più a consumare energia

      • Giovanni Basciano

        Nemmeno troppi. L’unico problema sarebbe gestire l’utenza durante il lancio dei giochi più attesi ma per il resto del tempo gli attuali server delle varie aziende potrebbero probabimente gestire il tutto. Comunque con la quantità di plastica e carta risparmiata, unita alla possibilità di usare fonti di energia alternative, il digitale rimane sicuramente una scelta migliore delle copie fisiche.

        • Quando I server di download chiuderanno e per caso l’hard disk della console si rompe e bisogna sostituirlo ne riparliamo. Passiamo da possesso fisico a semplice acquisto di licenza d’uso allo stesso prezzo. A me fa schifo.

          • Giovanni Basciano

            Io parlavo da un punto di vista ambientale. Comunque non penso che la chiusura di quei server sia vicina.

          • Su eShop di Wii ho speso soldi e non posso più accedervi

  • Elektrosphere

    Che porcheria! Voglio il box e rivoglio il manuale illustrativo stile giochi ps1 🤬

    • Leonardo dePinto

      Esatto con il codice per attivare il gioco dietro 5 minuti di installazione e poi si giocava

  • Leonardo dePinto

    Comunque è una vera vergogna perché c’è Quel 20% di italiani che non ha internet o non ha una connessione di qualità che sarà più svantaggiata di adesso perché io se compro un gioco in DVD e lo attivo su steam poi lo installo e c’è sempre qualche GB da scaricare e se io non voglio per risparmiare dati delma mia chiavetta 3g non posso giocare, bisogna tornare ai tempi dove ti compravi un gioco in formato fisico lo mettevi nel PC lo installavi con il codice dietro al manuale ed eri a posto e se poi il gioco non ti piaceva più lo potevi rivendere a un tuo amico poi con i soldi della paghetta piu quelli della vendita andavi a comprarne uno nuovo e invece questo non è più possibile perché steam ci ha rovinato la vita con le attivazioni online e porcherie varie dico steam ma sono tutti uguali al giorno d’oggi

    • Giovanni Basciano

      20% mi sembra un po’ esagerato, comunque si spera che la Enel ci metta una pezza a questa situazione.

  • Mario Morrone

    E poi ci sono io che 3 giorni fa ho fatto la mia prima partita a lol, in generale la mia prima partita online. Ora torno a giocare a dragon quest 8

  • Proprio l’altro ieri ho iniziato il primo Parasite Eve. Direi che mi fionderó sul retrogaming a questo punto, non è più ambiente per me questo.