Addio all’emozione di scartare un nuovo videogioco? Entro il 2022 il mercato sarà tutto digitale

Edoardo Carlo Ceretti Secondo un recente report di Piper Jaffray, nel giro di 4 anni il cloud e i servizi di streaming soppianteranno completamente i supporti fisici.

Michael J. Olson e Yung Kim, analisti di Piper Jaffray, hanno recentemente elaborato una nuova previsione sul prossimo futuro del mercato dei videogiochi, destinata a far discutere gli appassionati. Secondo il report, già nel 2022 non ci sarà più spazio per i giochi in edizione fisica, travolti dal digitale e dagli arrembanti servizi di streaming.

In effetti, se pensiamo a come sono cambiate le abitudini dei videogiocatori negli ultimi 10/15 anni e diamo uno sguardo al mercato attuale, sembra trattarsi di una strada già segnata. I tempi delle lunghe sessioni in single player, dei pomeriggi di sfide con gli amici in multigiocatore locale e dell’attesa per mettere le mani sulla copia del nuovo gioco tanto agognato – strappando la plastica protettiva e assaporando l’odore dei cartoncini illustrativi – sembrano ormai lontani ricordi.

LEGGI ANCHE: The Crew 2 è disponibile per PC e console

Il settore dei videogiochi si è spostato online, non soltanto nelle sfide ai giocatori di tutto il mondo, ma anche nell’acquisto di giochi e relativi contenuti aggiuntivi. Il passo successivo non potrà che essere quello del 100% digitale e dei servizi di streaming, che assicureranno maggiori introiti complessivi all’industria videoludica, cambiando definitivamente l’approccio dei fan alla propria passione. Se il punto di arrivo non è in discussione, cosa ne pensate invece delle tempistiche? Il 2022 vi sembra ancora troppo prematuro per la svolta full digital, oppure potrebbe essere una data realistica?

Via: Multiplayer, Gaming Bolt