Luigi’s Mansion 3: molto, ma molto meglio di quanto pensassimo! (anteprima)

Giorgio Palmieri

Anteprima Luigi’s Mansion 3Non sarà solo uno il protagonista a carattere videoludico di questo Halloween: infatti, Luigi’s Mansion 3 è pronto a prendersi quel che gli spetta, il posto e lo scettro della festa del dolcetto o scherzetto. Ecco la nostra anteprima di questa promettente esclusiva per Nintendo Switch.

Editore Nintendo
Sviluppatore Next Level Games
Piattaforme Nintendo Switch
Genere Avventura
Modalità di gioco Singolo giocatore, Multigiocatore
Lingua Testi in italiano
Prezzo e acquisto 60,98€ (31 ottobre)

Quando le foto non rispecchiano la realtà


Non è difficile immaginare cosa sia Luigi’s Mansion 3, specie agli occhi di chi ha spolpato i due scorsi episodi: ne eredita la medesima formula e la porta verso nuovi orizzonti, grazie alla potenza di Nintendo Switch, da cui pare sia stato estratto tutto l’estraibile.

L’avventura si configura appunto come le precedenti, con un Luigi intento a visitare l’hotel di lusso nel quale era stato invitato per passare un periodo di relax: peccato fosse una trappola, messa in piedi da Re Boo, al fine di catturare tutta la ciurmaglia del Regno dei Funghi, Mario compreso.

La versione dimostrativa, provata alla Milan Games Week, presentava un intero livello dove era possibile anzitutto sperimentare le novità di questo terzo capitolo. L’obiettivo è sempre quello di visitare le varie stanze dell’hotel per ripulirle dai fantasmi e per risolvere enigmi di vario genere, incentrati principalmente sull’utilizzo del Poltergust G-0M, per aspirare e sparare via oggetti e nemici. Luigi però può contare su un discreto arsenale sin dai primi istanti di gioco, tanto è vero che un po’ di gente, tra cui c’eravamo anche noi, si trovava spaesata dinanzi ai controlli più complessi rispetto agli standard dei classici giochi Nintendo.

Per dire, giusto per citare un esempio, l’eliminazione di un fantasma corazzato richiede, in sequenza, di sparare uno sturalavandini sullo scudo, poi di tirarlo a sé, poi di accecarlo con la torcia, così da renderlo visibile, e, infine, di aspirarlo con il Poltergust. Non è finita qui, perché l’operazione di aspirazione esige che premiate una serie di pulsanti a tempo al fine di mantenere salda la presa, finché il malcapitato non sarà esausto e pronto per essere sbattuto da una parte all’altra della stanza, per poi, finalmente, essere inghiottito dall’aspira-fantasmi. Nintendo e Lext Level Games si sono divertite a diversificare quanto più possibile la dotazione dei fantasmi, in maniera tale da rendere i combattimenti più vicini alla concezione di un rompicapo: speriamo solo che la varietà sia stata studiata a dovere, anche se i trailer promozionali sembrano scagionare questo dubbio, vista la grande quantità di location differenti già mostrate, dai pirati all’Egitto.

Fin da subito, poi, si nota la grande interattività con l’ambiente e la cura con cui sono state realizzate le sale: pare tutto un piccolo, grazioso diorama dove ogni oggetto può essere preso, scagliato e usato a proprio vantaggio. L’osservazione svolge un ruolo importante, perché, pur non potendo ruotare la telecamera, in quanto fissa, le stanze danno l’idea di essere enormi e piene di segreti, in virtù della presenza sia di punti chiaramente frantumabili, sia del potere della visione oscura, che Luigi può attivare a proprio piacimento per vedere elementi altrimenti invisibili ad occhio nudo. Abbiamo anche apprezzato l’introduzione di Gommiluigi, un’esatta copia del protagonista che può essere richiamata quando lo si desidera per risolvere alcuni puzzle: poiché immune a certi tipi di trappole, come gli spuntoni, il clone verdastro le può attraversare per attivare leve o pulsanti, in modo tale che Luigi, quello vero, possa poi passare senza problemi. Gommiluigi potrà pure essere guidato da un secondo giocatore in modalità cooperativa.

La demo, infine, si concludeva con una battaglia contro il boss di turno, un guerriero fantasma a cavallo, innestato in un contesto da giostra medievale. Un altro scontro che chiedeva al giocatore di osservare il comportamento del nemico, per poi agire di conseguenza. Insomma, ci siamo divertiti, molto più di quanto pensassimo prima di metterci in fila. Purtroppo non era possibile provare le modalità multigiocatore, tra cui la tanto attesa Giochi Paranormali, tramite la quale Luigi’s Mansion 3 proporrà la sua visione del party game: fino ad un massimo di otto giocatori, sia in locale che online, potranno sfidarsi in minigiochi a tema utilizzando un solo Joy-Con. Non vediamo l’ora di provarla!

Conclusioni

Anteprima Luigi’s Mansion 3 – Luigi’s Mansion 3 è un gioco unico nel suo genere, e questa sua unicità la si percepisce in una moltitudine di fattori, condensati sempre nella grande creatività che contraddistingue i prodotti a marchio Nintendo. La versione dimostrativa non ha messo in luce nessun dubbio in particolare, se non quello legato alla varietà, che speriamo sia capace di instillare curiosità costantemente. Insomma, il 31 ottobre, prima di andare a quella festa di Halloween per la quale fremete da un pezzo, forse dovreste fare una deviazione al negozio di videogiochi più vicino.

CERTEZZE DUBBI
  • Un gioiello, curato in ogni dettaglio
  • Ricco, pieno di idee creative
  • Ottima interattività ambientale
  • Più profondo di ciò che vorrebbe far credere
  • Sarà sufficientemente vario?
  • Modalità multigiocatore da verificare

Trailer

Screenshot