5 novità di Tennis World Tour 2 – Nacon ci riprova, voi ci riproverete?

Giorgio Palmieri -

Anteprima Tennis World Tour 2

“Il secondo album è sempre più difficile” canta Caparezza in un suo celebre brano, e mai frase fu più adeguata per la situazione di Tennis World Tour 2. Non a caso, è il seguito di un videogioco tennistico fortemente criticato, che non ha saputo nemmeno riprendersi a suon di aggiornamenti dopo il lancio. Viene da chiedersi dunque come mai Nacon (Bigben Interactive) abbia deciso di riprovarci: grazie all’evento a cui abbiamo assistito, ora le idee sono più chiare.

Editore Nacon
Sviluppatore Big Ant Studios
Piattaforme PS4, Xbox One, PC Windows, Nintendo Switch
Genere Tennis
Modalità di gioco Singolo giocatore, Multigiocatore (Locale, Online)
Lingua Testi in italiano
Uscita 24 settembre (PS4, Xbox One, PC) | 15 ottobre (Nintendo Switch)

Cambio di team

Il più grande cambiamento in Tennis World Tour 2, rispetto al predecessore, è proprio nel team di sviluppo. Messi in panchina i Breakpoint, entrano in campo nientemeno che gli australiani di Big Ant Studios, i medesimi di AO Tennis 2. Del resto, al netto dei difetti e delle mancanze, sono loro ad avere lo scettro del miglior gioco di tennis multipiattaforma dell’attuale generazione, ma si può davvero parlare di rivalità? Ormai fanno entrambi parte della scuderia Nacon!

Animazioni rinnovate

Assistendo alla presentazione e provando con mano l’esperienza in una piccola versione dimostrativa, abbiamo avuto modo anzitutto di apprezzare il miglioramento netto delle animazioni, il cui numero è stato praticamente raddoppiato. Le migliorie sono evidenti in special modo nelle animazioni di raccordo, che finalmente rendono i movimenti degli atleti molto più fluidi. In generale la grafica ha subito una revisione sui materiali, sull’espressività degli atleti e sugli stadi, adesso più ricchi di dettagli.

Online ricompilato

Si è parlato poi della stabilità dell’online, con un codice di rete ricompilato. Purtroppo non abbiamo avuto modo di provarlo con mano né in questo capitolo, né nell’altro, considerando la vuotezza dei server, ma ci fidiamo sulla parola, sperando che la comunità risponda positivamente.

Formula rinfrescata

Sul versante della giocabilità, Tennis World Tour 2 è influenzato dalla formula di AO Tennis 2, ma ne eredita solo una parte delle meccaniche. L’idea è quella di fornire una simulazione tennistica verosimile, quando invece AO Tennis preferisce accontentare un’utenza variegata.

Viene così introdotto il tempismo per i colpi, cioè un sistema intuitivo mediante il quale è sufficiente tenere premuto il tasto del colpo desiderato per caricare la forza, per poi rilasciarlo nell’istante in cui si darebbe il rovescio o il diritto nella realtà. Stessa cosa per il servizio, rinnovato per mezzo di una serie di indicatori più puliti, atti a gestire la forza e l’effetto.

Rispetto al predecessore, poi, è stata migliorata la conduzione delle partite, che vedeva gli atleti stancarsi troppo in fretta a prescindere dal tipo di gioco condotto. Adesso la stamina segue delle direttive più realistiche, a seconda del comportamento del giocatore, cosa che migliora inevitabilmente anche la responsività, sulla quale però nutriamo ancora qualche dubbio.

Se nell’originale era impossibile cancellare un’azione dopo che il gioco l’aveva masticata premendo un pulsante, adesso Tennis World Tour 2 riesce ad interpretare meglio le intenzioni dell’utente, ma bisognerà verificare questo aspetto dopo aver studiato per bene la formula. Segnaliamo poi l’introduzione del sistema di moviola Occhio di Falco (Hawk-Eye), già visto in AO Tennis.

Nuovi contenuti

La prima grande novità in termini contenutistici è senz’altro nei doppi, previsti nel predecessore e poi mai più introdotti. Saranno anche giocabili in multigiocatore, ma in una precisa modalità: potrete giocare con un amico su una stessa console contro un altro avversario online e il suo amico seduto sul divano. Insomma, niente compagni tramite invito o pescati attraverso matchmaking.

Ben trentotto sono invece gli atleti presenti, tra i quali vale la pena segnalare i campioni Rafael Nadal, Roger Federer e Ashleigh Barty, con al seguito una modalità Carriera esponenzialmente migliorata, della quale abbiamo tuttavia pochi dettagli. Sappiamo che l’editor dell’atleta avrà numerose opzioni aggiuntive, nell’ottica di un’esperienza più immersiva e personalizzabile rispetto al passato.

Persino il sistema di carte ha ricevuto dei ribilanciamenti: ora è possibile equipaggiare cinque carte, quattro attive e una passiva, per conferire bonus a voi o malus all’avversario: insomma, un espediente per aumentare la varietà delle partite, soprattutto nella Carriera, che confidiamo abbia eventi diversificati tra loro.

Si è poi parlato rapidamente del supporto alla nuova generazione: l’unica attuale certezza è che la nuova fatica di Nacon e Big Ant Studios sarà disponibile su PS5 e Xbox Series X tramite la retrocompatibilità, null’altro. L’appuntamento è previsto il 24 settembre per le versioni PS4, Xbox One e PC Windows, mentre l’15 ottobre sarà la volta dell’edizione Nintendo Switch. Dunque che ne pensate? Darete una chance a Tennis World Tour 2? Fateci sapere nei commenti.

Trailer

Screenshot

Su alcuni dei link inseriti in questa pagina SmartWorld ha un’affiliazione ed ottiene una percentuale dei ricavi, tale affiliazione non fa variare il prezzo del prodotto acquistato.