Apex Legends: perché dovrebbe importarvi qualcosa del nuovo Battle Royale gratuito di EA

Lorenzo Delli -

Apex Legends è il nuovo Battle Royale free-to-play (gratuito quindi, ma con micro-transazioni) realizzato da Respawn Entertainment sotto l’ala protettiva di Electronic Arts. L’ennesimo Battle Royale quindi, che segue la moda di PUBG, Fortnite e dei tanti altri esponenti del genere che, visto proprio il successo dei due titoli citati, sono fioccati in men che non si dica. Persino Activision è dovuta correre ai ripari realizzando Blackout, una modalità battaglia reale per il suo nuovo capitolo di Call of Duty, e la stessa EA, con DICE, per il recente Battlefield V. Un altro gioco da ignorare quindi, se fate parte di quella schiera di giocatori che non riescono proprio a divertirsi con il genere? Parliamone.

Secondo Respawn Entertainment, la loro creatura offre un’esperienza Battle Royale di squadra nel loro stile, e il loro stile ce lo hanno già mostrato ampiamente con l’ottimo comparto multigiocatore di Titanfall 2. Cosa cambia da un normale battle royale?

LEGGI ANCHE: Star Wars: Jedi Fallen Order è il nuovo gioco di Respawn: atmosfere dark e uscita nel 2019

Per cominciare non ci si lancia a casaccio sperando di riuscire a coordinarsi con la propria squadra, sempre si scelga di giocare in squadra. In Apex Legends la squadra ha un ruolo fondamentale per la vittoria. I membri del team sono ridotti a tre, e all’inizio di ogni match verrà designato un Jumpmaster. Ciò significa che sarà un solo giocatore a decidere dove avverrà il lancio e gli altri lo seguiranno automaticamente.

L’altro aspetto che lo distingue dagli altri appartenenti al genere sono le otto leggende. Ogni giocatore sceglie uno fra otto personaggi, ognuno caratterizzato da un suo aspetto, voiceline e, soprattutto, abilità specifiche che li rendono letali con o senza i compagni di squadra. C’è ad esempio Lifeline, un vero e proprio medico che si occupa dei compagni feriti fornendogli uno scudo e vita aggiuntiva; Bloodhound, un cacciatore che segue le orme delle sue prede per stanarle quando meno se lo aspettano; Wraith, una guerriera che può sparire tra le pieghe dello spazio e del tempo per riapparire dietro di voi; o Mirage, un personaggio che basa i suoi attacchi su ologrammi super realistici.

Le novità non terminano qui. Il gioco di squadra si fa ancora più importante vista la presenza dei trasmettitori di rientro, location in cui i compagni di squadra sconfitti possono essere rianimati, un sistema di “Comunicazione Ping” che permette, a detta degli sviluppatori, di interagire con nemici, armi e luoghi, ed un inventario intelligente che collega attrezzatura ed equipaggiamento alle armi appropriate.

Sì perché, come in Fortnite e PUBG, ci sono armi ed equipaggiamenti vari da scovare ed utilizzare.  C’è un intero arsenale di armi da scoprire! La mappa di gioco, denominata Kings Canyon, sembra offrire un bel po’ di varietà e di punti di combattimento, e in tutto ospita 60 giocatori (20 squadre quindi) a partita. La visuale di gioco è in prima persona, rendendolo a tutti gli effetti più vicino ad un classico FPS. E EA e Respawn hanno realizzato un sistema di micro-transazioni che sembra veramente studiato a tavolino: protezione dalla “sfortuna” con drop leggendari garantiti entro certe soglie, niente doppioni. Maggiori dettagli nel paragrafo dedicato al gameplay.

Trailer Apex Legends

Ci sono due filmati che vi conviene vedere prima di scaricare Apex Legends. Il primo è il trailer cinematico: molto simpatico, vi fa intuire qualcosa sulla lore e sui personaggi, ma non è realizzato con il motore di gioco ed è quindi insufficiente per capire se apprezzerete o meno il titolo. Lo trovate qui di seguito:

Gameplay

L’altro è un trailer gameplay che mostra Apex Legends in azione, con una rapidissima panoramica sugli eroi selezionabili e sui loro poteri. Sul canale ufficiale del gioco trovate poi un video per ognuno dei personaggi giocabili. C’è anche un altro trailer gameplay molto più breve, lo trovate sempre qui, di seguito.

Qualche altro dettaglio sul Gameplay:

  • Level cap: ogni giocatore può portare il suo livello di esperienza al massimo a 100. Ogni volta che si sale di livello si riceveranno Apex Pack, token Legend o entrambi. Raggiunto il livello 100 si continueranno a guadagnare token raggiungendo determinate soglie di punti esperienza.
  • Come si sbloccano i personaggi: per sbloccare un personaggio vi servono 12.000 legend token. Li guadagnate salendo di livello, giocando i match normali o acquistandoli
  • Cosa sono gli Apex Pack: sono dei pacchetti cosmetici che NON offriranno mai dei vantaggi a livello di gioco, ecco altri dettagli
    • Gli Apex Pack NON contengono doppioni
    • Di conseguenza ogni giocatore può guadagnare un totale di 45 Apex Pack gratuiti nella sua carriera
    • Il drop rate degli oggetti è il seguente: 100% oggetto raro, 24,8% oggetto epico, 7,4% oggetto leggendario
    • C’è una così detta “Back Luck Protection”, non è possibile aprire 30 Apex Pack senza ricevere almeno un oggetto leggendario
    • Altri Apex Pack possono essere acquistati con la valuta premium
  • Cos’è il Battle Pass: è un sistema che avanzerà con le stagioni di gioco che premierà il giocatore con oggetti esclusivi (cosmetici sempre); si tratta ovviamente di una micro-transazione. Nei Battle Pass non sono inclusi oggetti leggendari.
  • Quanto dura una stagione: approssimativamente 3 mesi.
  • Quando inizia la prima stagione: a marzo 2019, offrirà ovviamente un Battle Pass da acquistare.

Cross-play

Apex Legends è al momento disponibile per PS4, Xbox One e PC tramite Origin. Ma è un titolo cross platform o gli utenti affrontano solo gli avversari che giocano sulla medesima piattaforma? Al momento il gioco di EA e Respawn non supporta il cross-play, ma non è detto che la situazione in futuro non si sblocchi. Considerata la recente apertura di Sony Interactive Entertainment al cross-play su giochi selezionati, è possibile che si convinca anche con Apex Legends, sempre che il gioco abbia successo.

PlayStation Plus e Xbox Live Gold

Curiosamente, Apex Legends non richiede un abbonamento a PlayStation Plus per poter giocare online (anche perché è solo online) contro gli altri giocatori. A levarci ogni dubbio è la pagina FAQ allestita da EA. Su Xbox One è invece necessario un abbonamento Xbox Live Gold.

Requisiti PC

I requisiti sono sono così esosi, anzi. EA e Respawn sapevano di tagliarsi via una buona fetta di utenza rendendolo troppo pesante su PC, e almeno da quanto elencato qui di seguito sembra proprio che per giocarci decentemente serva un PC con hardware modesto e non recentissimo.

MINIMI

  • SO: Windows 7 a 64 bit
  • Processore (AMD): AMD FX 4350 o equivalente
  • Processore (Intel): Intel Core i3 6300 o equivalente
  • Memoria: 6 GB – DDR3 @1333 RAM
  • Scheda video (AMD): AMD Radeon™ HD 7730
  • Scheda video (NVIDIA): NVIDIA GeForce® GT640
  • DirectX: Scheda video compatibile con la versione 11 o equivalente
  • Gioco online: Connessione Internet a 512 KBPS o superiore
  • Spazio libero su disco: 22 GB

CONSIGLIATI

  • SO: Windows 7 a 64 bit
  • Processore (AMD): CPU Ryzen 5 o equivalente
  • Processore (Intel): Intel Core i5 3570K o equivalente
  • Memoria: 8 GB – DDR3 @1333 RAM
  • Scheda video (AMD): AMD Radeon™ R9 290
  • Scheda video (NVIDIA): NVIDIA GeForce® GTX970
  • DirectX: Scheda video compatibile con la versione 11 o equivalente
  • Gioco online: Connessione a banda larga
  • Spazio libero su disco: 22 GB

PS4 | Xbox One | PC

Di seguito i link per scaricarlo gratuitamente sulle piattaforme supportate.

Come sta andando

Alla grande. Oltre a raccogliere consensi da molti dei giocatori che lo hanno provato, di fatto nelle prime 48 ore di vita è stato giocato da oltre 2,5 milioni di utenti, registrando anche diversi record di visite su Twitch. EA è persino tornata sull’argomento cross-play, dicendo che in futuro il gioco potrebbe arrivare anche su Nintendo Switch e su dispositivi mobili.

Dopo una settimana di vita il gioco ha raggiunto quota 25 milioni di giocatori, con picchi di 2 milioni di giocatori connessi contemporaneamente. Come se non bastasse, ha spodestato Fortnite dalla classifica dei giochi più visti su Twitch.

Titanfall 3

Apex Legends è ambientato nell’universo di Titanfall, ma come già accennato con Titanfall stesso ha poco a che spartire. E a quanto pare Titanfall 3, visto l’arrivo di Apex Legends, non è in via di sviluppo. Vince Zampella ha comunque dichiarato che c’è un progetto riguardante Titanfall in arrivo quest’anno. Che sia qualcosa legato alla realtà virtuale?

Android e iOS

Il nuovo Battle Royale di Respawn potrebbe arrivare anche su dispositivi mobili. A confermarlo il CEO di EA, Andrew Wilson, durante una recente call. EA e Respawn infatti stanno studiando come portare il gioco su dispositivi mobili e su come implementare il cross-platform nel tempo.

Screenshot