Apple pagherebbe gli sviluppatori del suo “Netflix dei videogiochi” in maniera molto interessante

Matteo Bottin

Oltre al servizio in streaming che dovrebbe essere presentato domani, Apple avrebbe in mente anche un nuovo servizio di abbonamento per i videogiochi. Non si sa ancora quando verrà reso disponibile, ma cominciano a spuntare alcune informazioni riguardo il modello di monetizzazione per gli sviluppatori.

Se da una parte Apple guadagnerebbe dagli utenti tramite una sottoscrizione mensile (limitando il modello freemium dei giochi) fornendo dei “bundle” di videogiochi disponibili, gli sviluppatori verrebbero pagati da Apple dividendo i soldi degli utenti in maniera proporzionale alla quantità di ore dedicate dall’utenza al proprio titolo. Dunque, se un gioco dovesse avere più successo degli altri, questo riceverebbe un pagamento maggiore a fine mese.

LEGGI ANCHE: Evento Apple il prossimo 25 marzo

Stiamo comunque parlando di informazioni trapelate, dunque vanno prese con le pinze. Pensate si tratti di un modello onesto per pagare gli sviluppatori o la paga dovrebbe essere “fissa”?

Via: 9to5Mac
  • Antonio Ficetti

    Apple a mio avviso dovrebbe iniziare a pagare le tasse in Italia con le aliquote Italiane, proprio come faccio io, che come imprenditore pago il 43% piu’ le addizzionali per un totale di 52/55%

    Non lo 0.2% come stà pagando!

    Boicottate la mela!

    • Boicottate l’Italia casomai!

      • Antonio Ficetti

        Daniele,
        con le imposte si pagano gli ospedali,le strade e tutti i servizi pubblici (ordine pubblico,tribunali,prigioni vigili del fuoco etc etc)
        Con le imposte di apple vivremo barricati in casa nell’anerchia piu’ assoluta, ma col 5g a breve.

  • maurizio

    Secondo me gli sviluppatori andrebbero pagati in base a quanto lavoro fatto, un classico lavoro a progetto. Chi fa videogiochi dovrà comunque cercare di fare bei titoli per continuare a farsi pagare da Apple.

  • Aldo

    Cosicchè giochi come Overwatch verrebbero remunerati decine di volte in più rispetto ad un Last of Us 2.