Il prossimo Assassin’s Creed sarà ambientato nel profondo nord in epoca vichinga?

Edoardo Carlo Ceretti -

Ubisoft non ha ancora annunciato quando vedrà la luce il nuovo titolo della saga di Assassin’s Creed (per il momento si vocifera il 2020), ma fra gli appassionati della serie è già palpabile la curiosità di capire in quale epoca e area geografica sarà ambientato. Dopo l’Egitto di epoca tolemaica e la Grecia antica in piena guerra del Peloponneso, sembra però che non toccherà all’epoca romana, come invece ipotizzato da alcuni in un primo momento.

Ci aveva già pensato l’Easter Egg apparso in The Division 2 a far cambiare idea a molti appassionati e a spingerli a puntare sull’epoca vichinga e ora sembra che siano giunte ulteriori conferme in tal senso. In particolare, Jason Schreier di Kotaku ha affermato di aver ricevuto la soffiata sull’ambientazione vichinga del prossimo Assassin’s Creed, direttamente da fonti interne ad Ubisoft.

LEGGI ANCHE: Borderlands 3: ma quanto è ganzo l’ultimo trailer?

Per la conferma definitiva occorrerà aspettare ancora un po’, ma sembra che il nuovo capitolo della saga sia attualmente conosciuto con il nome in codice di Kingdom, che potrebbe (come no) rispecchiare anche il titolo del gioco. Ulteriori informazioni non sono ancora note, ma l’epoca vichinga è sicuramente ricca di spunti da cui attingere, come gli antichi culti e la mitologia, le esplorazioni navali e la fama che si porta dietro l’antico popolo del nord.

Via: MultiplayerFonte: Kotaku