Bully 2 non arriverà mai? Date la colpa a Red Dead Redemption 2 e GTA: VI

Vito Laminafra

Bully, arrivato in Europa come Canis Canem Edit, è stato un gioco di grande successo e non a caso sono moltissimi i giocatori a volere fortemente un seguito. Purtroppo però sembrerebbe che non ci sia speranza di vedere Bully 2, dato che il progetto sarebbe stato definitivamente accantonato nel 2017.

Su alcuni forum legati al mondo Rockstar Games, sono apparsi i commenti di due ex dipendenti della software house, che già in passato avevano rilasciato leak e dettagli. Secondo loro, la fase di pre produzione di GTA: VI sarebbe iniziata già nel 2015, e sarebbe andata avanti a ritmo incessante fino al 2017, quando il carico di lavoro si è spostato quasi del tutto sullo sviluppo su Red Dead Redemption 2 e Bully 2.

LEGGI ANCHE: Lo sviluppo di Grand Theft Auto 6 sarà influenzato da quanto successo con Cyberpunk 2077?

Le priorità di Rockstar però erano GTA e Red Dead Redemption, per cui si è deciso di chiudere il progetto di Bully per concentrarsi in maniera importante sugli altri due enormi titoli, che senza ombra di dubbio richiedevano sforzo non indifferente da parte degli sviluppatori. Il gioco aveva subito la stessa sorte per problematiche simili già due volte, nel 2009 e 2013.

Dopo l’uscita di Red Dead Redemption, è del tutto plausibile che la priorità di Rockstar Games sia il prossimo capitolo della saga di Grand Theft Auto, che secondo i leaker sarebbe ancora ad un livello di completamento tra il 60% e 70% e che non vedrà la luce molto presto.

Via: DualSHOCKERS