Bungie si separa da Activision: quale sarà il destino di Destiny?

Vezio Ceniccola

Un inaspettato divorzio avvenuto nelle ultime ore sta già scuotendo il mondo videoludico. Stiamo parlando della separazione consensuale tra Bungie e Activision, che mette la parola fine ad una relazione iniziata nell’ormai lontano 2010. Se siete giocatori di Destiny 2, però, potete stare tranquilli.

Anche se la divisione tra lo studio di sviluppo e uno dei più noti publisher del settore videogiochi è un evento di non poco conto, per il momento non influirà molto sul futuro della serie Destiny, per il quale sarà Bungie a conservare tutti i diritti. Lo studio ha già messo in chiaro che il supporto al gioco verrà mantenuto intatto e ci saranno altre novità nei prossimi mesi. Inoltre, Destiny 2 continuerà a far parte della piattaforma BattleNet su PC, dunque non ci saranno problemi per chi lo utilizza tramite questo servizio.

Le motivazioni della separazione sono molteplici ma, come spiega lo stesso comunicato ufficiale di Bungie, probabilmente è stata la volontà di “camminare con le proprie gambe” quella che ha spinto di più verso tale scelta. Ricordiamo che lo studio di Chicago non è certo nuovo ai cambiamenti: nella sua storia ha operato sia da solo che per conto di Microsoft Game Studios, realizzando altri titoli di straordinaria importanza come la serie Halo.

LEGGI ANCHE: Recensione Destiny 2: I Rinnegati

Cos’accadrà adesso per il mondo di Destiny? Difficile dirlo senza conoscere alcun indizio sui piani di Bungie, anche se le ipotesi più realistiche vanno tutte in un’unica direzione: lo studio potrebbe iniziare a lavorare su un terzo capitolo della saga, magari pieno di innovazioni e novità mai viste prima. D’altronde, ora che la società ha le mani libere e non risente più di eventuali interferenze da Activision, lo spazio di manovrà per ridare slancio alla serie è molto più ampio.

Via: IGNFonte: Bungie