Call of Duty: Black Ops Cold War: svelati dettagli sulla storica campagna (video e foto)

Federica Papagni -

Il 13 novembre la Guerra Fredda riprenderà vita sulle nostre piattaforme di gioco con Call of Duty: Black Ops Cold War, il diretto seguito del fortunato Black Ops ambientato 13 anni dopo i suoi accadimenti, che catapulterà veterani e novizi all’interno di questo segreto mondo.

Dan Vondrak, direttore creativo senior di Raven Software, ha così commentato il nuovo titolo in arrivo su PS4, PS5, Xbox One, Xbox Series X/S e PC:

“Siamo grandi fan di Black Ops e il nostro primo obiettivo era riportare in azione l’iconico trio formato da Woods, Mason e Hudson, ma trovando un modo che non rendesse necessario aver giocato ai titoli precedenti della serie. Pensavamo anche fosse importante introdurre dei nuovi personaggi, scoprire le loro personalità e come si rapportano a quelli classici. In questo modo, sia i giocatori di vecchia data che quelli alla prima esperienza avrebbero potuto provare qualcosa di nuovo. Grazie a questo approccio, con il proseguire della storia, abbiamo potuto introdurre lentamente connessioni e rimandi a Black Ops che i fan come noi coglieranno immediatamente, ma che allo stesso tempo non andranno a sopraffare i nuovi giocatori con una valanga di informazioni tutte in una volta.”

Come più volte specificato, la trama si concentra nel periodo culminante della Guerra Fredda in cui un gruppo di operatori della CIA deve cercare di prevenire il conflitto nucleare mondiale agendo nelle tenebre e compiendo operazioni segretissime. Per dare un assaggio di quella che sarà la campagna del nuovo COD, la software house ha voluto rivelare tre delle missioni che la comporranno con i relativi dettagli.

LEGGI ANCHE: Ecco fino a quando la PS4 sarà supportata

La prima è In Trappola, ambientata inizialmente ad Amsterdam dove i nostri operatori incapperanno in un adrenalinico inseguimento sui tetti della capitale olandese, per poi cambiare scenario e ritrovarsi in Turchia; la seconda Fracture Jaw è ambientata durante la Guerra del Vietnam e grazie a fondamentali indizi la squadra cercherà di rintracciare la mitologica figura di Perseus, una misteriosa spia sovietica che alcuni pensano addirittura non sia mai esistita. Ultima missione è Estremi rimedi, che continua a cavalcare l’onda della ricerca della spia russa che condurrà gli agenti della CIA a infiltrarsi nel quartier generale del KGB.

Possiamo quindi notare come questa figura misteriosa sarà fondamentale per l’intera campagna, tant’è che da essere mitologico diventerà sempre di più una minaccia concreta. Call of Duty: Black Ops Cold War si presenta quindi come un perfetto mix tra finzione e realtà, in cui i veri accadimenti della Guerra Fredda verranno ripresi e mescolati con fittizie invenzioni ideate dagli autori del titolo. Per chi è interessato a conoscere più dettagli sulle missioni appena descritte e, soprattutto, non prova alcun timore verso gli spoiler, al seguente indirizzo è possibile leggere il lungo post pubblicato per l’occasione.

Video

Immagini