In Diablo 4 ci saranno le micro-transazioni

Lorenzo Delli -


DIABLO 4 – È stato uno dei grandi protagonisti della cerimonia di apertura della BlizzCon 2019: stiamo parlando di Diablo 4, il quarto capitolo della celebre serie di Action RPG di casa Blizzard che, come anticipato nelle scorse settimane, è stato presentato ufficialmente il 1 novembre.

Diablo è tornato quindi, ovviamente in grande stile. Era dal 2008 che Blizzard non sfornava un nuovo capitolo, anche se nel frattempo sono uscite espansioni per Diablo 3, una versione dedicata a Nintendo Switch ed era stato annunciato anche lo spin-off dedicato ai dispositivi mobili intitolato Diablo Immortal. Scopriamo quindi insieme tutto quello che dovete sapere a riguardo di questo quarto, promettente, capitolo.

Editore Blizzard
Sviluppatore Blizzard
Piattaforme PS4, Xbox One, PC Windows
Genere Action RPG
Modalità di gioco Singolo giocatore, Multi giocatore
Lingua Italiano

News

Aggiorneremo via via questo articolo con tutte le news più importanti a riguardo di Diablo 4. Troverete aggiornamenti qui subito sotto questo paragrafo o aggiunte ai vari paragrafi dell’articolo nel caso fossero diffuse novità di rilievo a riguardo.

Aggiornamento07/11/2019

Partiamo dalla notizia forse più “fastidiosa“. Il lead designer Joe Shely, in occasione di una diretta su Twitch, ha confermato che Diablo 4 riceverà espansioni e che sarà anche possibile acquistare oggetti cosmetici tramite micro-transazioni. Niente di trascendentale a nostro avviso: finché sono legate esclusivamente ad aspetti estetici risultano davvero completamente opzionali.

Passando ad altri dettagli più piacevoli, da un leak arriverebbe la conferma che le altre due classi giocabili sarebbero il Paladino e l’Amazzone. Il bello è che il leak è precedente alla Blizzcon: le notizie che trapelarono parlavano di cinque classi, ovvero il numero confermato poi da Blizzard, e tiravano in ballo proprio barbaro, druido, incantatrice e le due classi appena citate, confermando in buona parte la veridicità del leak in questione. Potrebbe arrivare anche il Necromante, ma probabilmente sotto forma di espansione come successo per Diablo III. Lo stesso leak poi parla anche di PS5 e Xbox Project Scarlett, affermando che Diablo 4 sarà un titolo cross-gen. Chiudiamo con l’ultimo video gameplay di Game Informer incentrato stavolta sul gameplay del Druido.

Diablo 4 Ita

Iniziamo con il confermare la localizzazione italiana di Diablo 4. Così come ogni titolo Blizzard, anche il quarto capitolo della saga Action RPG sarà tradotto nella nostra lingua. È già disponibile il trailer di lancio doppiato proprio in italiano; idem dicasi per il filmato relativo al gameplay, ma ci torniamo nel paragrafo dedicato.

↑ TORNA IN CIMA ↑

Diablo 4 Uscita

La domanda che tutti si chiedono: quando uscirà Diablo 4? A dare retta al game director Luis Barriga, l’uscita di Diablo 4 è ancora lontana. C’è però da dire che l’action RPG di nuova generazione è stato annunciato per PC, PS4 e Xbox One, e tra circa un anno arriveranno sul mercato PS5 e Xbox Scarlett. Gli scenari possibili sono quindi due: o si tratterà di un titolo cross-gen, in arrivo quindi sia sulla vecchia generazione di console che su quella nuova, o l’uscita è prevista prima di novembre/dicembre 2020. In quest’ultimo caso l’uscita sarebbe “ancora lontana“, ma non poi così tanto.

↑ TORNA IN CIMA ↑

Lilith

C’è un nuovo villain, anzi, una nuovissima villain più cattiva che mai. La sua prima apparizione nel trailer cinematico la presenta con un mantello ottenuto dal sangue di tre vittime sacrificali, un corpo femminile rosso particolarmente minaccioso e delle corna, sempre rosso sangue, che ricordano ovviamente quelle di Diablo. Stiamo parlando di Lilith, figlia di Mephisto, regina delle succubi. Sicuramente ci ritroveremo ad affrontare anche il suo luogotenente, il sacerdote che ha dato il via al rito di evocazione in grado di riportare Lilith a Sanctuarium.

Diablo IV si svolge molti anni dopo gli eventi di Diablo III, dopo che milioni di persone sono state massacrate a causa delle azioni dei demoni degli Inferi Fiammeggianti, ma anche degli angeli del Paradiso Celeste. Durante questo vuoto di potere, un nome leggendario riaffiora dal passato: Lilith, figlia di Mefisto, la progenitrice dell’umanità. La sua stretta su Sanctuarium colpisce al cuore ogni uomo e donna, rendendo il mondo un luogo oscuro e disperato.

Lilith ha già fatto la sua apparizione nell’universo di Diablo. In Diablo 2 l’abbiamo affrontata direttamente: il suo modello era simile a quello di Andariel, il boss della fine del primo atto, e i suoi attacchi erano basati sul veleno. In Diablo 3 invece troviamo gli scritti di Lilith nella Fortezza del Pandemonio, durante l’atto 5.

↑ TORNA IN CIMA ↑

Gameplay

Sia Sanctuarium che l’Inferno saranno ancora più medioevali e goth del passato. Ci saranno componenti multiplayer marcate, come villaggi dove trovare altri giocatori con cui affrontare le avventure o affrontare loro stessi in arene PvP. A tal proposito sappiamo già che Diablo IV sarà un’esperienza sempre online. Non sappiamo se su console sarà obbligatorio avere PS Plus o Xbox Live Gold per poter accedere anche alle parti singolo giocatore, ma sarà comunque necessaria una connessione ad internet continua.

LEGGI ANCHE: Overwatch 2 ufficiale

A detta di Blizzard, Diablo 4 sarà caratterizzato da combattimenti viscerali, mostri spaventosi, un’epica caccia a bottino leggendario e infinite rigiocabilità e progressione. I livelli continueranno ad essere casuali e ci saranno ovviamente anche vari gradi di difficoltà con cui rigiocare il tutto. Grazie al trailer gameplay, possiamo dare una prima occhiata al motore grafico e allo stile di gioco. La visuale dall’alto in terza persona caratteristica di tutta la serie è ancora lì, al suo posto. Il motore di gioco è però tridimensionale. Diablo 4 sembra però ancora più fisico, con anche una particolare attenzione alla verticalità dei livelli e alla fisicità appunto degli attacchi delle varie classi.

Gli oggetti che caratterizzano gli scenari si distruggono durante i combattimenti, e il ritmo di gioco è simile al terzo capitolo: bello frenetico quindi! Il tutto però è meno confusionario: le animazioni sono più curate e ci sono effetti aggiuntivi anche piuttosto splatter (schizzi di sangue a non finire, tanto per dirne una). I consumabili sono invece più simili a quanto visto in Diablo 2. In ogni slot potremo portare fino a 50 pozioni (un bel po’), e altro richiamo a Diablo 2 è il nuovo sistema di rune. Le varie rune possono essere combinate negli oggetti che utilizziamo in modo, ad esempio, da far scattare determinati poteri in contesti diversi da quelli classici. A quanto pare ci aspettano ambientazioni incredibilmente vaste in quel di Sanctuarium, visto che ci saranno le cavalcature. Il mondo di gioco sarà suddiviso in zone, ognuna caratterizzata da un proprio clima, ma la transizione tra una zona all’altra non richiederà tempi di caricamento. Diamo quindi un’occhiata alla versione italiana del gameplay trailer di Diablo 4.

↑ TORNA IN CIMA ↑

Le classi di Diablo 4

Le prime 3 classi giocabili presentate sono il barbaro, il druido e il mago. Parliamo di prime classi giocabili perché nella versione definitiva di Diablo 4 ce ne saranno ben cinque. Già nel primo trailer gameplay si scorgono molte delle meccaniche che li caratterizzano.

  • Barbari: si distinguono per forza senza paragoni e grande maestria nel combattimento in mischia, portano in battaglia la potenza del nuovo sistema di Arsenale, e possono trasportare ed equipaggiare rapidamente fino a quattro armi diverse per volta, assegnando un attacco a ognuna di esse.
  • Incantatrici: un ritorno alle radici di Diablo II, sono in grado di manipolare gli elementi per annientare i nemici, impalandoli su aculei di ghiaccio, colpendoli con fulmini o facendo piovere meteore infuocate dal cielo su di loro.
  • Druidi: mutaforma selvatici che usano i loro poteri per assumere la forma di lupo mannaro, orso o umano e per scatenare cataclismi naturali sulle forze degli Inferi Fiammeggianti.

Tre classi davvero iconiche per l’universo di Diablo, che testimoniano la volontà degli sviluppatori di onorare l’eredità della serie e di voler appunto partire dalle basi. Grazie al classico albero talenti e alle varie abilità di classe, oltre al sistema di bottino che comprende oggetti leggendari, combinazioni di rune e parole runiche, e persino cavalcature personalizzate, sarà possibile customizzare al massimo i propri personaggi.

↑ TORNA IN CIMA ↑

PS4

Come già accennato il gioco arriverà anche su PS4 e, vista l’incombenza di PlayStation 5, ci aspettiamo di vederlo arrivare anche sulla console di nuova generazione. È anche possibile che, grazie alla retrocompatibilità, non ci sia bisogno di utilizzare una versione ad-hoc di Diablo 4 per PS5 ma che si possa appunto utilizzare la versione dedicata a PS4.

↑ TORNA IN CIMA ↑

Nintendo Switch

Arriverà anche una versione per Nintendo Switch? Difficile dirlo con certezza. Blizzard si è dimostrata molto interessata alla piattaforma ibrida di casa Nintendo, lanciando nell’arco di pochi mesi i port di Overwatch e di Diablo 3. Il nuovo engine di Diablo 4 è senza dubbio più pesante di quello del terzo capitolo e potrebbero volerci svariati mesi (se non anni) prima di vedere una versione dedicata a Switch. A meno che Nintendo non lanci una versione potenziata (Nintendo Switch 2?), si intende.

↑ TORNA IN CIMA ↑

Diablo 4 Demo

Sì, esiste una demo di Diablo 4 ma purtroppo per noi mortali, il download non è certo disponibile. La demo in questione è stata mostrata ai presenti al BlizzCon negli Stati Uniti, e non aspettatevi di poterla giocare prima dell’uscita ufficiale del gioco.

↑ TORNA IN CIMA ↑

Screenshot

↑ TORNA IN CIMA ↑

  • nemo

    La parte visiva c’è, se non la cartoonizzano come nel 3, la meccanica sembra promettente, attingendo a Path of exile, ora devono presentare una storia coinvolgente, magari con intrecci tra i vari personaggi per un multiplayer più stimolante, e riescono a continuare innovando e mantenendo la buona tradizione Diablo. Ottima l’idea delle cavalcature per aumentare la vastità degli scenari e non perdere di giocabilità, spero però che non siano in stile wow e che si possano usare in combattimento con mosse d’assalto o tattiche in multiplayer.. mi piacerebbe poter giocare un Diablo moderno, maturo e che possa ancora stupire..

  • Ade

    Sarà disponibile su Stadia?

    • Bella domanda. Ho paura di no, al momento Blizzard non ha annunciato alcun tipo di collaborazione con Google, sono piuttosto gelosi dei loro giochi (e di Battle.net).

      • Ade

        è un gran peccato. il mio pc non sarà in grado di far girare decentemente il gioco, ne sono certo. e su PS4 non è assolutamente la stessa cosa. Se lo mettono su PSNOW potrebbe essere giocabile con mouse e tastiera?