Diablo per smartphone? Non c’è niente di male, anzi… (opinione)

Lorenzo Delli

Venerdì 2 novembre, sul palco del BlizzCon 2018, Blizzard ha svelato Diablo Immortal, il nuovo capitolo della serie che cronologicamente si pone tra il 2 e il 3 dedicato però esclusivamente ad Android e iOS. Apriti cielo!

Ho deciso di boicottare tutti i prodotti Blizzard“, e ancora “Cara Blizzard, hai toccato il fondo” o “Hanno totalmente preso Diablo 3 e lo hanno ridotto in quell’aborto mobile pay to play mostrato nel trailer“: questi sono solo alcuni dei commenti al fulmicotone che parte della community italiana di Diablo ha riservato all’annuncio. E in parte sono anche diplomatici rispetto a quanto si può leggere nella versione internazionale del cinematic trailer di Diablo Immortal, che al momento conta più di 380.000 dislike.

LEGGI ANCHE: Recensione Diablo III per Nintendo Switch: Blizzard non sbaglia un colpo

Ora, su Diablo Immortal, su cosa rappresenta e sul perché la community è in rivolta se ne potrebbe discutere per ore. A tal proposito voglio anche invitarvi a leggere un commento (un po’ lungo, ma ha il suo perché) proprio sull’articolo dell’annuncio del gioco su MobileWorld che solleva dei punti interessanti.

Sta di fatto che per l’occasione ho realizzato un video in cui riassumo brevemente la situazione attuale, per chi si fosse perso il “dramma” che si è consumato negli ultimi giorni, e in cui esprimo alcune delle mie idee a riguardo del gioco, leggendo anche alcuni dei commenti che sono stati scritti sempre su MobileWorld (purtroppo quello che vi ho linkato è stato pubblicato dopo che ho finito di realizzare il video) o su YouTube. Vi aspetto nella sezione commenti con la vostra opinione a riguardo sia di Diablo Immortal che di quanto detto nel video.

  • Matteo Bottin

    Standing ovation!

  • Coar87

    Sono un fan della serie Diablo dagli albori e devo dire che…

    Sono contento! Non sarebbe per niente male portare Diablo sempre con me e poterci giocare ogni qual volta ne ho voglia.
    Aspettiamo di valutare con mano il loro lavoro!

    • Matteo Bottin

      Infatti, non vedo proprio l’ora di provarlo.
      Poi, oh, se dovesse essere infarcito di acquisti in-app utili al proseguimento del gioco non esiterei a contestarlo.

      • Coar87

        Certo, concordo con te.
        E’ appunto questo il discorso errato alla base di tutta la polemica. il prendere posizione e contestare una cosa ancora prima di provarla per partito preso. Vedremo e spero sia un successo non pay to win

        • Matteo Bottin

          Beh effettivamente il 95% dei prodotti Blizzard alla fine (per mio gusto) si rivela una gran figata. Penso che questo Diablo Immortal non farà eccezione. In realtà su internet è sempre così, ogni volta si critica qualcosa, così, a caso. Speriamo sia un atteggiamento che negli anni vada a scemare (anche se non ne sono per nulla convinto).

  • Marco

    É un problema che si ripropone in continuazione nel “Mondo dei nerd/videogiocatori/appassionati” (come anche per altre cose eh).
    Prima o poi, in molti, si convincono che il gioco/il film/il fumetto sia di loro esclusiva proprietà, e tutte le modifiche che gli si vogliono apportare devono prima passare sotto l’attenta analisi di ognuno di loro.
    Onestamente, da videogiocatore, non vedo cosa ci sia di male nell’avere un Diablo per smartphone; posso essere deluso perchè aspettavo, chessò, “un Diablo 4”, ma da qui a dire che Diablo Immortal sarà una merda solo per partito preso, no.
    Noi videogiocatori vogliamo che a “il nostro” Mondo venga riconosciuto il dovuto rispetto e importanza, però poi ci lasciamo andare a queste “bambinate” perchè volevamo una cosa che nessuno ha neanche mai nominato e che non è arrivata, battendo i piedi e insultando o minacciando (e qui è grave eh).

    Insomma dai!

    • pietro smusi

      Non credo tu abbia colto le critiche, ti esorto a leggere il commento linkato nell’articolo che l’utente ha scritto, ha spiegato molto bene la posizione di ognuno di noi a mio avviso

  • RiccardoC

    l’incapacità di tanta gente di semplicemente ignorare ciò che non gli piace (e che non gli arreca nessun danno) mi lascia sempre stupito, ma è così che va il mondo: haters will always hate

  • Alex T

    ma come ho già scritto eternium, è molto molto simile, proprio perchè è ispirato da quello..
    ben vengano sempre app nuove, ma tra costo e quanto di nuovo offerto rispetto alla concorrenza per me è un no 100%.. figuriamoci poi con la connessione sempre attiva..

  • tonyf93

    La maggior parte delle community online sono cancerogene. Quella di blizzard non fa eccezione.

    Io intanto godo, non vedo l’ora che esca cosi posso giocare a Diablo ovunque io voglia