Epic Games manda in tilt i server di GTA V Online

Enrico Paccusse - I server non hanno retto la folla generata dall'offerta imperdibile di Epic Games

Non c’è alcun dubbio che GTA rappresenti ancora oggi un punto di riferimento nel mondo videoludico, nonostante il primo Grand Theft Auto risalga a più di 20 anni fa (ottobre ’97, per la precisione). Tanto che è bastata un’offerta di Epic Games per mandare in crash i server incapaci di reggere l’enorme affluenza di pubblico.

Andiamo con ordine: 3 giorni fa, all’interno dell’Epic Games Store, è comparsa la versione Premium Online Edition di Grand Theft Auto V tra i titoli scaricabili gratuitamente. Un’offerta che evidentemente neanche Epic Games era pronta a sopportare, tanto che la calca virtuale ha mandato ripetutamente in crash i server proprietari.

LEGGI ANCHE: Migliori cuffie per videochiamate? Non vi servono gli AirPods! (video)

Una volta superato questo step, la folla si è quindi riversata in massa sui server di GTA V Online, che si sono rivelati altrettanto impreparati ad affrontare un numero così elevato di connessioni simultanee. Risultato finale: la Rockstar ha dovuto emettere un comunicato su Twitter in essere al lavoro per risolvere la problematica causata da “volumi elevati di giocatori“.

Nel frattempo, negli Stati Uniti è esploso il thread dedicato su Reddit, con utenti che si sono addirittura spinti a costruire piccoli robot automatizzati (grazie ad Arduino) per aggiornare costantemente la pagina di caricamento del gioco. Da qualche ora, Rockstar fa sapere di aver risolto tutto. Non dimenticate che la promozione presente sull’Epic Games Store sarà ancora presente fino al 21 maggio!

Aggiornamento

Abbiamo parlato della notizia anche nel nostro podcast, SmartWorld News

Ascolta “18/05 – Ancora ban per Huawei, i server di GTA V e mercato tech in Italia” su Spreaker.

Via: Rockpapershotgun, Engadget
  • Ivan

    GTA online aveva problemi ben prima dell’offerta di Epic Games

    • Ale Jordan

      Si infatti. Addirittura mi è capitato di leggere di giocatori con lo stesso problema a distanza di mesi…