Come farebbe PS5 ad essere retrocompatibile con titoli PS3, PS2 e PS1? Semplice: con il cloud (foto)

Matteo Bottin

Un brevetto molto interessante scovato dall’utente di Twitter Renka_schedule ci mostra come Sony potrebbe rendere compatibile PlayStation 5 (in parte) con i giochi delle vecchie PS3, PS2 e PlayStation. La possibilità non è data dalla potenza intrinseca della nuova console quanto più da un elemento esterno: il cloud.

In pratica “un elevato numero di titoli PS1/PS2/PS3 possono essere immagazzinati ed utilizzati tramite la libreria cloud di giochi“. Di fatto avremmo a che fare con un emulatore che gira su una macchina virtuale che imita la vecchia console. Il tutto avrebbe senso: in questo modo Sony non sarebbe costretta ad inserire dell’hardware aggiuntivo all’interno delle console per emulare i vecchi titoli.

LEGGI ANCHE: Google rilascia la Beta 2 di Android 11

Fa storcere il naso quel “un elevato numero di titoli”, dato che implica che non tutti i giochi sarebbero disponibili. Parliamo comunque di un brevetto, quindi non è detto che sarà disponibile con PS5.

D’altronde è da parecchio che si continua ad associare PS5 al concetto di retrocompatibilità. Certo, l’applicabilità della cosa potrebbe essere tutt’altro che scontata, salvo il fatto che Sony faccia pagare di nuovo per titoli che sono già in nostro possesso. Come dovrebbe gestire la cosa?

Via: IGN
  • Roberto

    Ormai non ci crede più nessuno alla retrocompatibilità da parte di Sony…
    Personalmente mi sono arreso, al massimo questo brevetto potrebbe essere legato a qualche servizio a pagamento, ma niente retrocompatibilità per come la intendiamo noi.

  • amivaleo

    Cloud?
    In altre parole, ricomprare i titoli.
    D’altronde non c’è modo di infilare dischi nella PS5 senza lettore.