Google sta lavorando sodo per scongiurare problemi di latenza in Stadia (foto)

Vincenzo Ronca

Google ha presentato Stadia lo scorso marzo come la sua nuova ed innovativa piattaforma totale di gaming. Una piattaforma completamente ospitata sul cloud che porta con sé tante aspettative e qualche timore, come quello della latenza.

La latenza è immaginabile come il ritardo tra l’input del giocatore e l’output nel videogioco. Per Google Stadia è ragionevole chiedersi se si riusciranno ad evitare problemi del genere e la stessa Google se lo chiede insistentemente: il team di sviluppo è ben conscio che la latenza potrà essere un problema concreto e afferma di lavorarci sodo dai primi mesi di sviluppo di Stadia.

LEGGI ANCHE: Oculus Quest, la recensione

Come illustrato allo scorso Google I/O 2019, ci sono molti fattori che possono contribuire a problemi di latenza: la qualità delle connessioni internet o l’hardware sul quale si sta utilizzando la piattaforma sono i più preoccupanti. Google sta già pensando a come ottimizzare la questione, ad esempio usando nuovi codec video che offrano un fattore più alto di compressione mantenendo la stessa qualità come l’AV1 che sarà supportato da Android Q.

Il concetto maggiormente espresso da Google a proposito della questione latenza su Stadia è stato bilanciamento: chiaramente non si può eliminare totalmente un problema che per definizione esiste in questi contesti ma sicuramente si può ridurre sempre di più nel tempo.

Via: Digital Trends