Google Stadia avrà nuove esclusive ogni anno, nel frattempo a Montréal nasce il primo studio ufficiale

Lorenzo Delli

Google Stadia non accoglierà solo giochi di terze parti. Già si sapeva che nei piani di Google c’era anche il cercare di supportare il suo servizio con varie produzioni “fatte in casa“, tanto da mettere a capo del reparto “Stadia Games & Entertainment” niente meno che Jade Raymond, una veterana dell’industria videoludica.

Proprio in queste ore la stessa Jade Raymond ha annunciato l’apertura di uno studio dedicato proprio alla divisione Stadia Games & Entertainment in quel di Montréal, una città che già ospita vari ambienti di sviluppo di videogiochi. Qui, dice la Raymond, nasceranno i primi giochi originali Google appartenenti ai generi più disparati.

Sempre a proposito delle esclusive, Jade Raymond ai microfoni di GamesIndustry ha confermato che nei piani di Google c’è anche la collaborazione con studi esterni, indie e non, per la realizzazione appunto di titoli ad-hoc che debutteranno in esclusiva su Stadia. Uno degli esempi pratici è Orcs Must Die! 3 che, almeno inizialmente, sarà disponibile solo sulla piattaforma di Google. Nella solita intervista la Raymond parla anche di esclusive first-party (quelle auto-prodotte quindi), affermando che ce ne saranno diverse ogni anno e che con il passare del tempo diventeranno sempre di più su base annuale.

In ogni caso, considerato che lo studio di sviluppo vero e proprio è stato fondato da pochissimo, prima di vedere un titolo first party su Stadia ci vorrà del tempo.