Hellblade: Senua’s Sacrifice, il gioco che ci porta nei meandri della psicosi da oggi anche nei negozi fisici

Lorenzo Delli

Avrete già sentito parlare di Hellblade: Senua’s Sacrifice, il gioco sviluppato da Ninja Theory e pubblicato nel 2017 creato da un team di sole 20 persone, tanto da essere definito dalla stessa software house un gioco “AAA indipendente“. Nella nostra recensione lo abbiamo definito soffocante, evocativo, dal grande impatto estetico, “un viaggio audiovisivo interiore nei meandri della psicosi, del dolore e del sacrificio, consapevole dei limiti d’interattività con cui deve convivere“.

Ve ne parliamo nuovamente a distanza di diversi mesi dalla nostra recensione della versione Xbox One (uscita 8 mesi dopo quella PS4 e PC) perché Hellblade: Senua’s Sacrifice, nonostante il suo quasi essere un gioco di nicchia diffuso solo in digitale, si affaccia per la prima volta in formato fisico nei negozi italiani, in un package che tra l’altro mette giustamente in mostra i premi ricevuti.

LEGGI ANCHE: Perché No Man’s Sky Next è fantastico, e perché no 

Hellblade: Senua’s Sacrifice, nonostante appunto la sola diffusione in digitale, è riuscito a raggiungere oltre 1 milione di giocatori in tutto il mondo, e da adesso potete recuperare la versione pacchettizzata per PS4, distribuita da 505 Games a 29,99€, e quella per Xbox One distribuita da Microsoft. E non c’è che da esserne felici! L’industria videoludica è sì focalizzata sui tripla A più “mainstream” legati a serie storiche ogni anno presenti sul mercato (spesso con ben poche novità), ma progetti del genere riescono comunque a fare breccia nel cuore dei player, tanto da meritarsi un posto tra gli scaffali accanto a titoli e marchi più blasonati.

E Hellblade, come già accennato, è un titolo davvero particolare. È stato creato in collaborazione con neuroscienziati e persone affette da psicosi, il tutto per rendere ancora più realistico il viaggio nella mente della protagonista, Senua, una guerriera celtica impegnata in un inquietante viaggio per salvare l’anima del suo amante perduto intrappolata negli inferi vichinghi. Tra l’altro Ninja Theory ja creato una pagina di assistenza dedicata alle persone che soffrono degli stessi disturbi psichici descritti in Hellblade: Senua’s Sacrifice, la trovate qui.

Ninja Theory ha sviluppato il tutto internamente, senza l’ausilio di un editore esterno, concedendosi totale libertà creativa. Una scelta che ha ripagato ampiamente, vista la reazione della stampa e del pubblico pagante, arrivando anche a ricevere cinque premi ai BAFTA Games Awards, inclusi Best British Game, Best Artistic Achievement, Best Game Beyond Entertainment, Best Performer e Best Audio Achievement. Nel 2017 ha ricevuto il Game Awards per Best Audio Design, Best Performance e Best Game for Impact. Se vi abbiamo incuriosito a sufficienza, vi lasciamo con il filmato di presentazione della versione fisica del gioco, e, poco più su, con la nostra video recensione.