Homeworld 3 è stato annunciato: ci sarà da aspettare, ma arriverà anche Homeworld Mobile

Lorenzo Delli -

Gli appassionati di strategia dovrebbero ricordarsi chiaramente Homeworld, uno dei pochi strategici in tempo reale proiettati in un contesto fantascientifico, più precisamente nello spazio profondo, offrendo di conseguenza la possibilità di muovere le unità in 3 dimensioni. Sviluppato da Relic uscì su PC nel 1999 e il suo successo spinse Sierra a pubblicare due seguiti. È dal 2003 che la saga è ferma al secondo capitolo. Ad aprile 2013 Gearbox acquisì all’asta la proprietà intellettuale della serie e finalmente, a distanza di 6 anni, uno spiraglio di luce che non potrà che fare la felicità dei fan della serie.

In questi giorni Gearbox ha infatti annunciato Homeworld 3, sequel diretto di Homeworld 2. Il gioco è sviluppato da Blackbird Interactive, una software house fondata dall’art director originale di Homeworld, Rob Cunningham. Al suo fianco uno dei fondatori di Relic Entertainment (Aaron Kambeitz) e tanti altri professionisti del settore, tra cui anche Paul Ruskay, che si occupò all’epoca della colonna sonora. Ma cosa dobbiamo aspettarci da questo terzo capitolo? Per il momento non molto, nel senso che lo sviluppo vero e proprio è iniziato giusto da qualche mese.

LEGGI ANCHE: Children of Morta: quando gli hack ‘n’ slash incontrano la pixel art ed è subito amore 

Per portare avanti il progetto è stata avviata una campagna di crowdfunding su Fig, campagna che ha già raccolto oltre 400.000 dollari. La promessa è quella di un capitolo nuovo di zecca che cercherà di mantenere intatte quelle dinamiche di gioco che hanno reso così apprezzati i 3 precedenti capitoli (e che hanno spinto alla realizzazione di una remaster del primo) e che si proponga appunto come sequel storico. Per il momento abbiamo un trailer da mostrarvi e alcune immagini a metà tra bozzetti e primi esperimenti di grafica. E c’è di più: a quanto pare c’è anche Homeworld Mobile, una versione per dispositivi mobili del gioco su cui non stati rivelati dettagli.

Ciò però ha aperto un piccolo cassetto della nostra memoria. Era il lontano 2013, quando appunto Gearbox acquisì le proprietà intellettuali del gioco. Sta di fatto che appunto nel 2013, prima dell’acquisto dell’IP, venne messa in piedi una campagna Kickstarter dedicata proprio a Homeworld 3 e ad una versione mobile del gioco. Forse il non avere dietro un colosso come Gearbox alle spalle non aiutò, o forse fu proprio la campagna ad attirare l’attenzione di Gearbox. Insomma, ci vorrà un bel po’ di tempo prima che Homeworld 3 si concretizzi, ma visto il publisher e visto anche il risultato dell’attuale campagna su Fig, che con quasi mezzo milione di dollari di finanziamento può dirsi già un successo, stavolta potremo davvero vedersi concretizzare un nuovo capitolo della serie.

Homeworld 3 trailer

Homeworld 3 Immagini