Horizon Zero Dawn: The Frozen Wilds, la nostra prova dell’espansione dell’open world di Guerrilla Games

Lorenzo Delli

Horizon Zero Dawn: The Frozen Wilds Prova – Horizon Zero Dawn è uno dei migliori titoli che questo 2017 ci ha regalato. Il nuovo open world di Guerrilla Games è uscito oramai 8 mesi fa, e i giocatori più incalliti dovrebbero oramai averlo finito in praticamente tutti i suoi aspetti. Fortuna che proprio Guerrilla Games aveva in programma un’espansione in grado di proiettarci nuovamente nelle lande della Terra del futuro (3.000 d.C. circa) che ci permette non solo di scoprire nuovi segreti a riguardo del disastro che ha portato alla quasi totalitaria estinzione della razza umana, ma anche di avere nuove zone da esplorare, nuove armi e abilità e nuovi nemici da affrontare. E dobbiamo ammettere che a distanza di tutti questi mesi quasi ci eravamo dimenticati dell’incredibile impatto che il motore grafico di Horizon Zero Dawn riesce ad offrire su PS4 e PS4 Pro.

Editore Sony Interactive Entertainment Europe
Sviluppatore Guerrilla Games
Piattaforme PlayStation 4, PlayStation 4 Pro
Genere Open World Action RPG
Modalità di gioco Singolo giocatore

The Frozen Wilds, questo il titolo della nuova espansione dedicata a Horizon Zero Dawn, ci porta come suggerito dallo stesso titolo in un nuovo territorio caratterizzato da temperature estremamente rigide, da ghiacciai e tormente di neve. Il nuovo, ampio territorio si colloca nella parte nord-est della mappa attualmente disponibile nel gioco originale. Una volta acquistata e installata l’espansione il nuovo territorio sarà collegato al vecchio e quindi esplorabile liberamente, ma l’avventura e tutte le quest che la compongono sono dedicate ai giocatori che hanno raggiunto almeno il livello 30.

Neve, neve e ancora neve. E talvolta vi troverete in delle tormente che vi renderanno difficile distinguere i bersagli.

Ad accoglierci nell’area che il popolo dei territori battuti finora da Aloy chiama Lo Squarcio troveremo infatti nuovi avversari da affrontare, ancora più selvaggi e dotati di armi in grado di mettere in seria difficoltà l’eroina. Per questo servono non solo un livello alto e la maggior parte delle abilità sbloccate, ma anche un equipaggiamento sufficientemente potente. Se comunque siete più interessati alla storia e avete intenzione di godervi in un secondo momento il nuovo grado di sfida offerto da creature quali il Mastino (una specie di lupo robotico in grado di lanciare fiamme) potete utilizzare la modalità di difficoltà definita non a caso Storia.

Caricando il vostro vecchio salvataggio troverete alcuni volti noti in località quali MeridianDaytower che vi daranno indicazioni (o avvertimenti) riguardanti Lo Squarcio, il misterioso territorio in cui si trova la tribù dei Banuk. Ovviamente Aloy non riuscirà a trattenere la sua curiosità e andrà ad indagare sugli strani avvenimenti che hanno non solo risvegliato nuove creature robotiche, ma anche strane strutture in grado di emettere impulsi che interferiscono con le stesse creature e persino con gli strumenti di Aloy. L’eroina dovrà però trovare il modo di guadagnarsi la fiducia dei Banuk, in modo da garantirsi l’accesso a territori sacri e anche in moda da indagare su eventuali strutture dell’era tecnologica nascoste nelle ripide montagne che caratterizzano la nuova zona. Conoscendo più da vicino uno dei membri chiave della tribù sbloccherete anche un nuovo tipo di arma, il Lanciatuono Banuk, che potete vedere in azione verso i minuti finali del nostro video gameplay.

L’espansione poi, oltre ad aumentare il cap massimo di livello, permette anche l’accesso ad un nuovo ramo di abilità (Traveler) che si focalizzano sull’utilizzo della cavalcatura e sul riciclo dei materiali raccolti (e non solo). Ad esempio sarà possibile raccogliere risorse direttamente in sella al vostro fido Ferrariete o riciclare pezzi di vario genere e trasformarli in metallo. C’è anche una nuova forma di valuta, da scambiare con equipaggiamenti ancora più potenti presso particolari commercianti segnalati sulla mappa.

Insomma, di cose da fare in questa nuova espansione ce ne sono. Oltre alla storia principale non mancheranno diverse sfide e quest secondarie, nuovi terreni di caccia e tanto altro: un’ottima scusa in definitiva per tornare a fianco di Aloy per un’ultima avventura. Ultima sì, perché questo DLC (o espansione che dir si voglia) è l’unico che verrà realizzato da Guerrilla per questo capitolo di quella che speriamo essere una saga longeva, e dopo averci speso qualche ora in sua compagnia non possiamo che consigliarne caldamente l’acquisto. Se avete apprezzato l’avventura originale, difficilmente vi annoierete durante la scoperta dei segreti di questa nuova zona da esplorare.

Il tutto viene venduto in formato digitale a 19,99€ (17,99€ per gli abbonati a PlayStation Plus), un prezzo più che equo per quanto offerto da questo DLC che riuscirà ad intrattenervi per diverse ore (circa 15) grazie anche alla possibilità di rigiocare con diverse modalità di difficoltà. Ricordatevi però in tal caso di lasciarvi da parte un salvataggio al termine dell’avventura principale da cui ripartire. Horizon Zero Dawn: The Frozen Wilds sarà disponibile da domani 7 novembre sul PlayStation Store.

Horizon Zero Dawn: The Frozen Wilds – Screenshot

Horizon Zero Dawn: The Frozen Wilds – Trailer