Il jailbreak di PS5 è più vicino: ottenute le chiavi di root

Il jailbreak di PS5 è più vicino: ottenute le chiavi di root
Giuseppe Tripodi
Giuseppe Tripodi

La giornata di ieri è stata particolarmente intensa per quel che riguarda la scena hacking PS5: in primo luogo, Andy Nguyen (aka @theflow0), ricercatore di sicurezza a Google, ha pubblicato su Twitter uno screenshot che mostra un menu di PS5 che include la voce Debug Settings.

Si tratta di una voce di menu nascosta nelle console commerciali, che verosimilmente è stata ottenuta dal ricercatore sfruttando una vulnerabilità della console. Tuttavia, Nguyen ha già annunciato di non aver intenzione di rivelare l'exploit.

Un'altra interessante novità nel panorma, che rende il jailbreak di PS5 un po' più vicino, è riassunto nel tweet di @fail0verflow, gruppo di hacker già noto nella scena.

Quello che vedete nell'immagine è un file decriptato, parte di un aggiornamento firmware di PS5. Come spiegato dal gruppo di hacker, il team di @fail0verflow ha ottenuto tutte le chiavi simmetriche di root di PS5, ossia quelle utilizzate per criptare/decriptare file di sistema, giochi e quant'altro. Come specificato, le chiavi sono state ottenute via software (quindi non c'è stata alcuna modifica hardware).

Questo, potenzialmente, sarebbe un primo step verso il jailbreak di PS5, che tuttavia sembra ancora lontano.

Qualche tempo fa, infatti, il team di @fail0verflow aveva scoperto un exploit di PS4, ma ha preferito aspettare che Sony rilasciasse una patch prima di rivelarlo.

Inoltre, in un post di ormai parecchi anni fa (2013) in cui si parlava di Wii U, un membro del team aveva spiegato come per loro non avesse più molto senso dedicarsi al jailbreak delle console. Secondo il punto di vista degli hacker, le console sono passate dall'essere degli interessanti oggetti hardware relativamente economici, su cui era divertente smanettare, a dei costosissimi e potentissimi PC, su cui la scelta dell'homebrew non ha più molto senso. L'unica ragione per cui eseguire un jailbreak di una console recente sarebbe la pirateria, che non interessa al gruppo di gray hat hacker in questione, anche considerando gli importantissimi rischi legali che comporta.

Commenta