Non c’è più fine alla nostalgia: sta tornando anche Intellivision, speriamo con un controller migliore…

Edoardo Carlo Ceretti Un altro pezzo di storia videoludica potrebbe rivivere, ma non soltanto per intenti celebrativi.

Da quando Nintendo è stata capace di intercettare la sete di nostalgia dei videogiocatori ormai attempati, i grandi marchi del passato videoludico stanno facendo la fila per riproporsi in edizioni celebrative dei tempi che furono, oppure in una veste rinnovata, che non manca di strizzare l’occhio agli appassionati di lunga data.

Alla prima categoria appartengono proprio le edizioni Classic Mini delle console Nintendo, ma anche il recente The C64 Mini – che richiama, senza mai citarlo per motivi legali, il glorioso Commodore 64 – e il futuro SEGA Mega Drive Mini, mentre l’esponente di spicco della seconda è l’Atari VCS – di cui sono aperti i pre-ordini su Indiegogo – una console moderna che non tradisce il passato, nell’estetica e nel catalogo di retrogaming. Sulla stessa lunghezza d’onda dovrebbe essere anche una nuova console a marchio Intellivision, in arrivo nel prossimo futuro.

LEGGI ANCHE: GTA: San Andreas sta per fare il suo ritorno, su Xbox One

Intellivision Entertainment è infatti un’azienda nata da poco, che mira a riportare in auge un nome storico nell’industria videoludica, apparso anche in Italia all’inizio degli anni Ottanta con la prima Intellivision prodotta da Mattel, una console dalle forme classiche per l’epoca e caratterizzata da uno controller dotato di un filo troppo corto e un sistema di input a tastierino numerico e un disco direzionale di una scomodità indescrivibile.

Nonostante ciò, la console riscontrò un grande successo, tanto da rimanere nel cuore di tanti giovanotti nati fra gli anni Sessanta e Settanta. Al momento, sulla nuova console si conoscono pochi dettagli, se non che si trovi ancora agli stadi iniziali di sviluppo. Verranno diffuse maggiori informazioni il prossimo 1° ottobre ma, come accennato, il progetto sembra essere indirizzato ad una console moderna dal gusto vintage, piuttosto che un semplice gadget nerd da includere nelle collezioni dei nostalgici appassionati.

Via: Dday