La funzione Family Sharing su Stadia consentirà condividere giochi Stadia Pro e DLC con gli altri membri, ma ci sono anche delle restrizioni!

Federica Papagni

Tra le sue varie funzionalità ancora nel cassetto, quella che consente agli utenti di condividere i giochi con gli altri membri della famiglia è probabilmente tra quelle più attese di Stadia. Il rapporto pubblicato da 9To5Google ha snocciolato quello che si nascondeva nella versione 2.36 di Stadia per Android, trovando interessanti indizi relativi a cosa questa condivisione offrirà effettivamente agli utenti quando arriverà. Nel dettaglio, ora è possibile immaginare cosa può essere condiviso tra i membri di un gruppo Famiglia Google.

Se alcuni si aspettavano che Family Sharing su Stadia consentisse semplicemente di condividere semplicemente l’account Pro, sembrerebbe invece che alla base ci sia qualcosa di più interessante. Infatti, stando a quanto letto in alcune stringhe di codice trovate nella più recente versione, la funzionalità consentirà ai membri della famiglia di condividere i giochi e tutti i DLC posseduti, indipendentemente dal fatto che il gioco sia stato acquistato o rivendicato gratuitamente con Stadia Pro. Quindi, la maggior parte dei contenuti che un account acquista o rivendica sarà utilizzabile da chiunque altro.

LEGGI ANCHE: Tutto quello che c’è da sapere sull’Amazon Prime Day 2020 in Italia

Tutto questo discorso implica quindi un grande vantaggio, perché significa che solo un utente per famiglia dovrà abbonarsi a Stadia Pro, visto che tutti i suoi contenuti potranno essere condivisi con gli altri partecipanti. Ovviamente, ci saranno delle restrizioni con cui fare i conti, tra cui l’impossibilità di far giocare contemporaneamente due persone allo stesso gioco e la non disponibilità dei vantaggi specifici di Pro (4K e HDR) sugli altri profili.

Purtroppo di una data di rilascio ancora non se ne parla e la conferma arriva da Google stessa, nonostante fosse stato precedentemente dichiarato che sarebbe giunta durante il 2020. Ciò che sembra più probabile ora è che Google potrebbe aver voluto ritardarne l’arrivo per spostarlo nel 2021.

Via: 9to5Google
  • Peccato! La limitazione del “non giocare in due allo stesso gioco contemporaneamente” è un vero peccato!

    • Akira Koga

      Infatti non ha senso, almeno in due deve permetterlo sennò che sharing é???

  • leonida73

    Limitazioni un po’ ignoranti