La Hazard Zone di Battlefield 2042 vi farà urlare al pre-order

Anche se i pre-order sono più che mai rischiosi
La Hazard Zone di Battlefield 2042 vi farà urlare al pre-order
Lorenzo Delli
Lorenzo Delli

Si chiama Hazard Zone ed è una delle modalità cardine di Battlefield 2042, l'attesissimo sparatutto online di casa Electronic Arts e DICE. Viene mostrata oggi in anteprima con un apposito trailer realizzato, manco a dirlo, per generare quanto più hype possibile.

Hazard Zone propone una modalità di gioco a squadre che cerca di combinare "il gameplay all'avanguardia con il meglio del sandbox di Battlefield", o almeno così sostiene EA. C'è anche un'introduzione "storica" alla modalità:

Nell'anno 2040, un blackout mondiale riduce il numero totale di satelliti in orbita del 70%. Cresce la tensione tra Usa e Russia. Sulla scia di questo evento, i satelliti temporanei a bassa quota sono diventati il ​​nuovo metodo per ottenere informazioni su entrambi i lati attraverso la raccolta di Unità Dati resistenti alle radiazioni.

Hazard Zone sarà giocabile su tutte e sette le mappe di Battlefield 2042 All-Out Warfare, quelle che solitamente ospitano le gigantesce battaglie tra squadre di più di 60 elementi. L'obiettivo sarà quello di recuperare Unità Dati sparse per il campo di battaglia, questo però scontrandosi contro le tante altre squadre composte da giocatori avversari. C'è anche un lungo "spiegone" pubblicato da EA che illustra tutti i punti di Hazard Zone.

Una partita di Hazard Zone consiste di cinque fasi principali - Strategia & Equipaggiamento, dove i giocatori confermano il loro punto di inserimento, scelgono il loro specialista e selezionano il loro equipaggiamento e i loro potenziamenti tattici; Inserimento, distribuzione dei punti di inserimento predeterminati; Recupero, dove le squadre dispiegheranno il loro scanner Intel e affronteranno le squadre nemiche, le forze di occupazione e il mondo stesso; Prima Estrazione, la prima di due opzioni per garantire la sopravvivenza; Ultima Estrazione, in cui le squadre rimanenti devono combattere su chi fuggirà e chi morirà nel tentativo. Le scelte che i giocatori faranno avranno un grande impatto sul successo della squadra; scegliere il giusto mix di specialisti, armi, gadget e potenziamenti tattici è la chiave per la sopravvivenza. I giocatori sperimenteranno partite veloci da 15-20 minuti a 32 giocatori con Xbox Series X|S, PlayStation 5 e PC o partite a 24 giocatori su mappe più piccole con Xbox One e PlayStation 4.
 
Le squadre che portano a compimento con successo l'estrazione con successo da Hazard Zone riceveranno una ricompensa base, oltre a premi aggiuntivi in ​​base alla quantità di Unità Dati con cui sono fuggiti. I giocatori in Hazard Zone vengono ricompensati in due modi: XP assegnati alla loro progressione di livello generale/avanzamento del Pass Battaglia, così come Dark Market Credits (DMC) - la valuta che i giocatori utilizzeranno per selezionare armi, equipaggiamento e potenziamenti tattici all'inizio di ogni partita Hazard Zone, dando loro un vantaggio in battaglia. Questi miglioramenti vanno da aumenti di munizioni, tempi di ricarica più rapidi e spazio di archiviazione aggiuntivo fino alle resurrezioni per i compagni di squadra caduti. Più giocatori Intel si riuniscono, più XP guadagnano e più DMC ricevono.

A occhio Hazard Zone sembra essere la fetta Battle Royale del titolo, ma vedremo più avanti in fase di lancio se sarà effettivamente così. Una piccola curiosità prima di arrivare al termine. Il doppiatore inglese dello specialista Boris, disponibile anche nella beta di Battlefield 2042, sembra essere lo stesso dell'Heavy di Team Fortress 2 (Gary Schwartz). Negli ultimi istanti del trailer Hazard Zone si sente il doppiatore di Boris pronunciare la frase "This is bad", una delle battute vocali dell'Heavy del celebre sparatutto di Valve. Non troviamo però riferimenti a Gary Schwartz nelle informazioni pubblicate fino ad ora di Battlefield 2042. Sarà proprio lui?

Commenta