Con l’ultimo aggiornamento di Doom Eternal possiamo tornare indietro di quasi 30 anni (video)

Matteo Bottin

Da qualche giorno id Software ha rilasciato un secondo aggiornamento per Doom Eternal, il quale, oltre ad interessanti aggiunte del gameplay, ha introdotto una funzione davvero particolare che piacerà molto ai fan di Doom di vecchia data: le Render modes.

L’idea è molto semplice: nelle opzioni è possibile scegliere un metodo di renderizzazione dell’immagine in tempo reale, il quale applicherà un “filtro” a tutto ciò che vedrete sullo schermo. Ce ne sono veramente di tutti i gusti: Cinematico, Bianco e nero, “Retro console” e… Doom Classic!

LEGGI ANCHE: 7 mesi con Google Stadia: cosa funziona, e cosa no

Sì, quest’ultima voce vi farà giocare a Doom Eternal con lo stesso stile grafico del primo Doom, lanciato nel lontano 1993, pixel e palette da 256 colori inclusi. Le altre aggiunte riguardano l’introduzione di nuove modalità e eventi. Non solo: il produttore di id Software ha parlato del fatto che il team di sviluppo sta lavorando a due DLC per la campagna e ad una versione per Nintendo Switch.

Via: Engadget
  • Luigi Martini

    Voglio il ray tracing!!! non queste amenità che lasciano il tempo che trovano…