Lustro stellare per il settore dei videogiochi per PC. Il fatturato del 2020 è prossimo ai 40 miliardi di dollari

Giovanni Bortolan -

Il mercato dei videogiochi per PC è più florido che mai. Con l’inevitabile complicità del periodo di lockdown, che ha senza dubbio facilitato l’approccio di molte persone a questo mondo, il settore videoludico ha registrato un salto del +60% negli ultimi 5 anni, che secondo le stime dovrebbe tradursi in un fatturato di 39,2 miliardi di dollari entro la fine del 2020.

I dati arrivano dalle registrazioni di SafeBettingSites.com, che ha inoltre fornito una serie di particolari riguardanti la vertiginosa crescita nell’ultimo lustro. Nel 2015 il mercato dei giochi per PC sfiorava la quota dei 24,6 miliardi di fatturato (dati di Jon Peddie Research); le vendite dei giochi più blasonati e costosi contribuivano al 45% del valore complessivo del mercato, con la parte bassa fatta da giochi di medio livello (30%) e titoli entry-level (25%).

Tuttavia la situazione iniziò a cambiare da lì a 12 mesi. Il mercato infatti fece un salto in avanti di circa il 23%, arrivando a 30,2 miliardi di dollari, punto oltre il quale il settore ha sempre continuato a crescere, anche grazie alla sempre viva richiesta di titoli di fascia alta (per un sonoro 47% del totale). A crescere di più sono invece stati quelli di fascia media, ovvero i videogiochi che non rientrano nei canoni del titolo tripla A, ma che comunque hanno alle spalle delle case di sviluppo preparate e che vengono proposti ad un prezzo intermedio.

LEGGI ANCHE: Trova serie TV e film in streaming con il nostro nuovo Trova Streaming

Come ribadito in apertura, tra le cause del recente boom delle vendite troviamo il periodo di lockdown che ha caratterizzato il primo semestre del 2020, anche se il tutto è continuato (e tutt’ora sta continuando) nella seconda parte dell’anno. Nel secondo trimestre del 2020 l’area EMEA (Europa, Medio Oriente e Africa) ha assunto il ruolo di leader per quanto riguarda le vendite, addirittura il 64% del totale delle unità vendute nel 2020, pari a circa 5,23 milioni di pezzi.

Via: CorCom