Il prossimo blockbuster di Netflix potrebbe essere un gioco per PC

Il prossimo blockbuster di Netflix potrebbe essere un gioco per PC
Vito Laminafra
Vito Laminafra

Ormai è un dato di fatto: Netflix non è più solo un servizio di streaming. L'azienda ha infatti deciso, ormai da diverso tempo, di puntare tanto sui videogiochi, e diversi titoli mobile sono scaricabili da tutti gli abbonati in maniera gratuita sia su smartphone Android che iOS. L'obiettivo però è quello di lanciare un gioco "serio" per PC.

Offerte Amazon

Fino ad oggi, il colosso dello streaming si è concentrato esclusivamente su giochi per smartphone, alcuni dei quali basati sulle serie TV prodotte da Netflix (Stranger Things su tutte), ma recentemente è stato pubblicato un annuncio di lavoro nel quale la società ricerca game director, art director, ingegneri e altre figure per lo sviluppo di un "gioco AAA totalmente nuovo per PC".

Ovviamente, tutte le informazioni in nostro possesso terminano qui: nell'annuncio di lavoro non si menziona in alcun modo il titolo del gioco, il genere o altri dettagli interessanti. Il post termina dicendo che l'azienda ricerca "un leader creativo di una delle prime generazioni di giochi originali Netflix sviluppati internamente".

Da queste parole deduciamo che questo titolo sarà solo il primo di una lunga serie, e che sarà sviluppato internamente, probabilmente da una delle case di sviluppo che Netflix ha recentemente acquisito e fondato: a settembre, Netflix ha annunciato di star lavorando ad un un proprio studio di sviluppo di videogiochi in Finlandia, più precisamente a Helsinki, mentre Nike Verdu, VP of Gaming di Netflix, ha rivelato che è stato aperto uno studio di sviluppo di giochi nel sud della California (con a capo Chako Sonny, ex produttore esecutivo di Overwatch).

Sempre Verdu ha recentemente parlato della voglia di Netflix di entrare nel settore del gaming in streaming: la società sta lavorando seriamente per offrire un servizio per giocare in cloud, ma anche in questo caso le informazioni a riguardo sono ancora troppo poche. Sicuramente qualche notizia trapelerà nel corso dei prossimi mesi.

Mostra i commenti