Nintendo dà voce alle donne dell'industria dei videogiochi italiana: parliamone (e parlatene!)

Nintendo dà voce alle donne dell'industria dei videogiochi italiana: parliamone (e parlatene!)
Giorgio Palmieri
Giorgio Palmieri

Nintendo, in collaborazione con IIDEA, ci ha invitati ad assistere ad una tavola rotonda digitale tutta al femminile, nella quale quattro eccellenze italiane, rappresentate da quattro donne appartenenti allo sviluppo videoludico, hanno raccontato il loro punto di vista sul panorama dell’industria dei videogiochi.

La conduzione di questo speciale evento è stata affidata alla giornalista Fabrizia Malgieri, mentre le quattro protagoniste rispondono al nome di:

  • Violetta Leoni di One-O-One Games, autori di Ping Pong Pro VR, The Rachel Foster e Fury Roads Survivor;
  • Alessandra Tomasina di Digital Tales, autori di Bookbound Brigade;
  • Domiziana Suprani di Studio Evil, autori di Super Cane Magic ZERO;
  • Fortuna Imperatore (aka Axel Fox), autrice di Freud's Bones.

Il nucleo della discussione verteva anzitutto sulla loro esperienza di sviluppo su Nintendo Switch, ma il tutto si è addentrato anche in altri argomenti molto importanti. Si è sottolineato più volte come il settore sia ora più inclusivo, un traguardo importante considerando il numero di italiani che videogiocano, cioè oltre 17 milioni: si tratta del 39% della popolazione compresa tra i 6 e i 64 anni.

I dati provengono da IIDEA, l’associazione che rappresenta l'industria dei videogiochi in Italia, dal Rapporto Annuale “I videogiochi in Italia nel 2019”, un bilancio che si aggiornerà a breve con la nuova edizione dedicata al 2020, ma che da ormai quattro anni riporta una costante crescita nel numero di giocatori nel nostro paese.

La tendenza dimostra come i videogiochi si stiano sempre più affermando come fenomeno di massa. Merito sicuramente dei blockbuster che hanno fatto parlare di sé e dell’industria in generale in questi ultimi anni, trasformando il videogioco da oggetto del divertimento per una porzione di appassionati, a tema di profonda attualità, specchio di un'intera generazione. In questo panorama di continua crescita, le donne sono il 47%, rappresentando quasi la metà della fetta dei gamer italiani.

Ma quando si parla di chi i videogiochi li fa per lavoro, qual è la situazione e quali le possibilità per le videogiocatrici?

Le autrici hanno raccontato l’esperienza di lavoro con la console Nintendo Switch e le proprie storie, ma anche le sfide quotidiane che riserva questo settore, un sogno per tantissimi giovani, e soprattutto tutto quello che comporta essere una donna che lavora con i videogiochi. Ecco le dichiarazioni di Violetta Leoni e Alessandra Tomasina:

“One O One Games è davvero lieta di entrare a fare parte del mondo Nintendo e sono molto contenta di aver potuto raccontare la mia esperienza lavorativa come sviluppatrice italiana all’evento. Ben tre sono i titoli che presto rilasceremo su Nintendo Switch, prodotti che hanno già registrato un grande successo.”

Violetta Leoni di One O One Games

“Sono veramente onorata dell’invito a partecipare a questo nuovo evento Nintendo dedicato agli Indie. Sono felice di aver avuto la possibilità di raccontare com’è nato e com’è fatto Bookbound Brigade, che non solo è il primo gioco di Digital Tales per Switch ma che su questa piattaforma è di casa, vista la lunga storia d'amore tra il genere Metroidvania e la grande N.”

Alessandra Tomasina di Digital Tales

Protagonisti della tavola rotonda anche Super Cane Magic ZERO, videogioco nato dalla penna del noto fumettista Sio e sviluppato da Studio Evil, e Freud's Bones di Axel Fox, un’avventura sul padre della psicoanalisi vincitore del Red Bull Indie Forge nel 2020 come miglior videogioco indipendente italiano. Ecco alcune loro parole:

“Ogni evento Nintendo dedicato agli Indie è una stupenda occasione per conoscere meglio team e sviluppatori italiani, aggiungendo ogni volta nuovi tasselli al panorama della nostra industria videoludica.”

Domiziana Suprani di Studio Evil

”Partecipare ad un evento di tale spessore rappresenta per me una opportunità straordinaria. La sola idea di poter unire nella stessa frase la parola ‘Nintendo’ col mio nome è una chimera.”

Fortuna Imperatore, aka Axel Fox

A quasi quattro anni dall’uscita di Nintendo Switch, la libreria della console di casa Nintendo va via via crescendo, tanto da aver sorpassato il traguardo di oltre 2000 titoli, e questo anche grazie a realtà di sviluppo indipendenti, sempre più sinonimo di qualità.

Nintendo ha scelto di stare in prima fila nel supportare gli studi di sviluppo locali fornendo, con queste tavole rotonde dedicate, una grande possibilità di visibilità ai media e al pubblico per gli sviluppatori, in modo che possano continuare a crescere ed evolvere. Potete visionare la replica della diretta al link a seguire.

Replica Nintendo Indie Summit

Commenta