NVIDIA Geforce Now è un progetto da rifondare (quasi) da zero, ma per i fondatori sarà gratis fino a giugno

Giovanni Bortolan - Questo fu Geforce Now? Orsù! Da capo!

Dire che ci saremmo aspettati un destino diverso per NVIDIA GeForce Now è dire poco. Il servizio di cloud gaming (tra i primi a nascere) ha dimostrato fin da subito di avere tutte le carte in regola per diventare un vero e proprio standard del nuovo modo di videogiocare del futuro.

Ciò che invece è successo nei mesi successivi al suo lancio ufficiale è stata una progressiva diaspora di moltissimi pezzi grossi che si sono allontanati dal servizio, rimuovendo i loro relativi titoli dalla piattaforma. Il motivo di queste scissioni è principalmente di tipo economico: mentre su Stadia (piattaforma concorrente) l’utente deve pagare sia il servizio che il gioco, il modello di Geforce Now prevede solamente il pagamento del servizio, in quanto l’utente potrà poi usufruire dei titoli che già possiede in maniera gratuita. A molte case di sviluppo questa cosa non è andata giù e hanno letteralmente dato forfeit.

LEGGI ANCHE: iPhone SE 2020 è lo smartphone più originale dell’anno, senza eguali nel mondo Android

Per questo motivo NVIDIA ha deciso di “ricominciare da capo”, rendendo GeForce Now completamente gratuito fino a giugno per gli utenti Fondatori. In questo periodo di “riflessione” NVIDIA avrà cura di rifinire e rimpinguare la sua libreria titoli, anche basandosi su chi gli ha garantito piena fiducia, come ad esempio Ubisoft. A breve infatti verranno aggiunti tutti i titoli della saga Assassin’s Creed e Far Cry.

Fonte: 9to5Google