NVIDIA RTX 3070 a 519€: molto meglio di PS5 o Xbox Series X?

NVIDIA RTX 3070 a 519€: molto meglio di PS5 o Xbox Series X?
Lorenzo Delli
Lorenzo Delli

NVIDIA ha finalmente svelato al mondo le nuove schede video RTX di seconda generazione con architettura Ampere. Per la precisione sono tre i modelli appartenenti a questa nuova famiglia di schede video: RTX 3070, RTX 3080 e RTX 3090. Il prezzo è ovviamente crescente, e l'ultima delle tre, la RTX 3090 dotata di 24 GB di memoria GDDR6X , è un vero e proprio "overkill", tanto da essere definita dalla stessa NVIDIA come "BFGPU" - Big Ferocious GPU. Sono proprio i prezzi ad aver sorpreso l'utenza, oramai avvezza a spese esorbitanti per poter aggiornare (o creare da zero) PC desktop dotati delle più recenti schede video.

E proprio visto il prezzo del modello base, la NVIDIA GeForce RTX 3070, pari a 519€ (IVA inclusa), che sorgono spontanei una serie di interrogativi. Non è un caso che NVIDIA abbia svelato proprio a inizio settembre la sua promettente line-up. In parte lo fa per controbattere ad un'agguerritissima AMD, e in parte lo fa anche perché PS5 e Xbox Series X sono alle porte. Giocare su PC o su Console è un'esperienza ben diversa, e chi preferisce quest'ultima lo fa per tutta una serie di fattori di cui discuteremo più avanti.

Il fatto è che il prezzo delle due console dovrebbe aggirarsi intorno ai 500€ (se tutto va bene!), simile quindi a quello di listino della RTX 3070.

Ci sarebbe da fare un discorso a parte su quello che sarà il prezzo effettivo della 3070, ma ci torneremo nelle considerazioni finali. Concentriamoci proprio sui 519€ confermati dalla divisione italiana di NVIDIA e cerchiamo di rispondere alla domanda posta nel titolo. Caliamoci nei panni di chi gioca su console, ma ha da sempre un occhio di riguardo per la così detta "PC Master Race". Vedendo prezzi del genere, e considerando che le performance della RTX 3070 sulla carta non sembrano affatto male, potrebbe appunto venire voglia di prende seriamente in considerazione la nuova scheda video di NVIDIA; di investire quindi il gruzzoletto messo da parte per una delle due nuove console per un bel PC gaming potente al punto giusto.

Ma quale sarebbe la spesa effettiva per assemblare un PC decente con cui sfruttare la nuova scheda video di NVIDIA? E cosa intendiamo con decente? Intendiamo una configurazione che ci faccia spendere il giusto senza però scendere troppo a compromessi. Risparmiare investendo i propri soldi su componenti troppo datate potrebbe avere come conseguenza quella di non sfruttare appieno proprio la scheda video su cui abbiamo deciso di investire. Vediamo quindi insieme una possibile build che si basa sulla RTX 3070 e i relativi costi da sostenere.

Configurazione PC Desktop con RTX 3070

Abbiamo realizzato una configurazione basata su processore AMD di prova per un PC gaming in cui inserire una NVIDIA GeForce RTX 3070. Le componenti sono di fascia bassa, ma non siamo andati totalmente al risparmio, creando una build di buon livello in modo che possa essere utilizzata con soddisfazione sia per il gaming che per la produttività.

In attesa della nuova serie Ryzen 4000, abbiamo scelto il popolarissimo MSI B550: una scelta non casuale, visto che tale scheda supporta la tecnologia PCIe 4.0 usata anche dalla RTX 3070. Inoltre, sarà compatibile con i Ryzen 4000, quindi è già a prova di futuro.

Per RAM e SSD siamo andati sul sicuro. Da una parte la scelta è ricaduta sulle classiche Corsair Vengeance LPX, con due moduli da 8 GB per un totale di 16 GB DDR4 a 3.2000 MHz C16. Dall'altra troviamo il Sabrent Rocket, un SSD NVMe in formato M.2 da 512 GB.

Arriviamo infine al case e all'alimentatore. Per il primo abbiamo optato per un Corsair Carbide Series SPEC-DELTA, abbastanza grande da contenere senza paura tutte le componenti scelte più la GPU e assicurare un buon flusso d'aria. Per l'energia ci siamo affidati all'ottimo Seasonic FOCUS GX-650, un modello da 650 Watt – il valore consigliato per le build con RTX 3070 – con certificazione 80+ Gold tra i migliori nella sua fascia di prezzo.

Considerando un costo di listino di 519€ per la RTX 3070, il prezzo totale di questa build si aggira intorno ai 1158€ al momento, secondo i prezzi indicati da Amazon. La cifra può variare non poco sfruttando offerte o acquistando tali pezzi su altri store.

Per chi volesse risparmiare ancora di più, è sicuramente possibile limare il prezzo di alcune componenti, fino a stare ampiamente sotto ai 1.000€. Ad esempio, si può risparmiare sul case, scegliendo un modello al di sotto dei 50€, ma anche sull'alimentatore e sulla scheda madre.

Infine, per chi preferisce le configurazioni basate su processori Intel, la nostra build si adatta alla perfezione: basta scegliere una scheda madre B460 – come ad esempio questa Intel i5-10500 di decima generazione a circa 212€. Il prezzo totale della build rimane quasi invariato. Ecco l'elenco dei componenti con relativi prezzi e link per l'acquisto:

E il monitor?

Ci sarebbe poi da fare un altro discorso che riguarda la risoluzione a cui si intende giocare. Il 4K in certi ambiti è già alla portata delle RTX di prima generazione, anche se in molti casi occorre scendere a compromessi con alcuni settaggi grafici. Le console di nuova generazione puntano invece tutto sul 4K, ma difficilmente (eccetto casi particolari) vedremo titoli a tale risoluzione girare con un frame rate superiore ai 60 punti (o addirittura 30).

Le performance della nuova RTX 3070 a confronto con una RTX 2070 e una GTX 1070.

Le performance della nuova RTX 3070 a confronto con una RTX 2070 e una GTX 1070.

Probabilmente acquistare una RTX 3070 con la convinzione che sarà possibile giocare fluidamente in 4K a tutti i titoli dei prossimi anni è un errore. Anche i test raccolti nel grafico che vi abbiamo proposto qui sopra, che confrontavano la RTX 3070 alla RTX 2070 e alla GTX 1070 alle prese con alcuni giochi, sono stati effettuati ad una risoluzione pari a 1440p. Dove vogliamo arrivare? A parlare di quale monitor abbinare ad un PC del genere.

Insieme alle RTX serie 30 sono stati svelati anche monitor gaming a 360 Hz.

Insieme alle RTX serie 30 sono stati svelati anche monitor gaming a 360 Hz.

Dopo aver speso una cifra che si aggira intorno ai 1.000€ per assemblare un PC degno di una RTX 3070, giocarci con un monitor full HD a 60 Hz risulta quasi "offensivo". Stiamo volutamente esagerando, ma potreste comunque trovarvi d'accordo con il nostro pensiero. Se non si vuole puntare al 4K, l'obiettivo è quello di andare a riprodurre i giochi in full HD o QHD sperando in una fluidità ben superiore ai 60 fps. Di conseguenza ci pare logico abbinare alla configurazione un monitor da almeno 144 Hz. Il top sarebbe poi averne a disposizione uno con NVIDA G-SYNC, in modo da sfruttare al meglio la scheda video, ma ci si può accontentare anche di altre tecnologie. In ogni caso ecco alcune alternative attualmente disponibili sul mercato che potrebbero fare al caso nostro.

Dei quattro monitor selezionati due vantano pannelli VA e due pannelli IPS. Li abbiamo selezionati in base al prezzo, scegliendone due di fascia più bassa e due di fascia media, e in base alla risoluzione, full HD e QHD. Optando per quello più economico, il Samsung C24RG50 full HD, la spesa complessiva sale a circa 1.320€.

Quindi? Cosa scelgo?

Una build basata su RTX 3070 potrà senza dubbio vantare performance migliori di una PS5 o di una Xbox Series X. Siamo quasi sicuri, anche se dovremmo fare qualche prova con mano, che la qualità del ray-tracing offerta da una 3070 sarà superiore a quello delle console next-gen. Quest'ultimo punto è anche nelle mani degli sviluppatori, ma il punto è che se la prima generazione di RTX aveva introdotto questa novità, la seconda generazione permetterà davvero di godersela senza andare ad inficiare più di tanto sulle performance. Questa affermazione è ulteriormente corroborata dal grafico pubblicato da NVIDIA, che mostra come un gioco come Control con ray-tracing attivo riesca a spingersi oltre i 100 fps in QHD su una 3070.

Con questo stiamo dicendo che è preferibile un PC nuovo o aggiornato ad una console next-gen? Assolutamente no. In questi casi è davvero inutile eleggere un vincitore come fosse una gara o una guerra tra fan. Le console avranno comunque un prezzo di acquisto inferiore, giochi tendenzialmente più ottimizzati, e possibilmente anche una "vita più lunga" di una scheda video. Se quest'ultima affermazione non vi trova pienamente d'accordo, sappiate che una RTX 2080 in certi frangenti fa già fatica a gestire i giochi più attuali (che siano mal ottimizzati è un altro discorso). Stiamo pur sempre parlando di una scheda video uscita sul mercato 2 anni fa, e se ogni 2 anni arrivano effettivamente nuove schede che non portano più solo innovazioni a livello hardware ma anche software, il "decadimento" dell'hardware si fa sempre più rapido. Tutto il discorso che abbiamo costruito si basa poi sul prezzo di acquisto di 519€ per una 3070. Ma stiamo pur sempre parlando della Founder Edition della scheda NVIDIA. Quando arriveranno sul mercato quelle realizzate dai vari produttori hardware (come ASUS o MSI), i prezzi veri e propri saranno anche più salati.

D'altro canto un PC è una macchina estremamente più versatile, un investimento che può tornare utile non solo da un punto di vista ludico ma anche lavorativo o di studio. Una console potrà offrirvi solo l'accesso a videogiochi e a contenuti multimediali, per tutto il resto esistono i PC. Non entriamo neanche in merito delle esclusive: è da anni che ogni volta che si tira in ballo l'argomento vengono fuori i soliti commenti "su PC c'è il multiplayer gratis", "su PlayStation ci sono The Last of Us e God of War", "eh ma il PC con Steam ha più esclusive" e così via.

Anche le nuove console promettono faville da un punto di vista grafico.

Anche le nuove console promettono faville da un punto di vista grafico.

Inoltre, nonostante il discorso (molto generico, lo ammettiamo) sulle performance della RTX 2080, questo potrebbe anche essere il momento giusto per assemblare un PC da gioco andando ad acquistare proprio le schede video di precedente generazione. Quando le RTX serie 30 sbarcheranno sul mercato, le 2070 e le 2080, comprese le varianti Super, potrebbero subire dei cali di prezzo davvero "interessanti". Si dovranno fare via via sempre più compromessi sulle impostazioni grafiche, non sempre sarà possibile godersi il ray-tracing con una fluidità soddisfacente, ma si tratterebbe comunque di una macchina in grado di divertirvi per anni senza grossi problemi.

L'ultimo consiglio che ci sentiamo di darvi è: andate dove vi porta il cuore. No, seriamente! Vi divertite di più con le console? Risparmiate per PlayStation 5 o Xbox Series X e fregatevene di chi continua a gridare "PC Master Race" e "Console peasant". Vi piace farvi la vostra configurazione hardware e aggiornarla via via (o rifarla da zero) nel corso degli anni? Fatelo e fregatevene di chi si ostina a tirare in ballo esclusive e prezzi inferiori. L'importante, in fin dei conti, è giocare e divertirsi.

Vezio Ceniccola ha contribuito
alla stesura di questo articolo

Commenta