Oculus Quest 2 da ora sarà più facile condividere i vostri giochi con queste due nuove funzioni

Federica Papagni

Oculus Quest e Quest 2 stanno ottenendo in maniera sperimentale due nuove funzioni, il multi-account e l’app sharing, tutte improntate verso il miglioramento dell’esperienza sociale degli utenti. Infatti, utilizzati da molti in condivisione, l’azienda ha così deciso di agevolare l’utilizzo dei visori permettendo a persone diverse di utilizzare lo stesso visore, senza che il proprietario debba forzatamente condividere i dettagli del proprio account.

Nel dettaglio con queste due nuove funzionalità sarà possibile accedere a più account attraverso un singolo visore e condividere le app acquistate sull’Oculus Store con tutti gli account aggiuntivi, lasciando però indipendenti i vari progressi e risultati raggiunti. Ogni profilo avrà anche la propria lista di amici, cronologia del browser, impostazioni della privacy e molto altro ancora. Sarà anche possibile bloccare il proprio account con una sequenza di sblocco prima di prestare il visore agli altri.

LEGGI ANCHE: Lo Store PlayStation Gear arriva in Italia

Di seguito vi segnaliamo le condizioni attuali per usufruire di queste novità:

  • L’account amministratore (ovvero l’account utilizzato per configurare il visore) può aggiungere fino a tre account aggiuntivi e abilitare l’app sharing su un singolo dispositivo. Al momento è in fase di sperimentazione e in futuro potrebbe cambiare quando più famiglie inizieranno a possedere più dispositivi Quest;
  • Per utilizzare il multi-account e l’app sharing, ogni titolare degli account, amministratore e aggiuntivi, deve accedere al dispositivo condiviso con il proprio account Facebook;
  • I titolari di account aggiuntivi possono accedere alle app condivise dal titolare dell’account amministratore solamente sul dispositivo su cui è abilitato l’app sharing. Se i titolari degli account aggiuntivi acquistano o possiedono già un proprio dispositivo, non saranno in grado di accedere sul proprio visore alle app condivise dall’account amministratore;
  • I titolari di account aggiuntivi possono acquistare app e contenuti propri sui dispositivi condivisi, ma queste app non saranno condivise né con l’account amministratore né con altri account aggiuntivi;
  • È ancora possibile accedere a più dispositivi contemporaneamente. Tuttavia, non sarà possibile utilizzare lo stesso account per eseguire la stessa app su più dispositivi contemporaneamente. Account diversi possono accedere contemporaneamente a un’app condivisa su più visori, tenendo però presente che al momento è possibile abilitare l’app sharing solo su un singolo dispositivo;
  • L’account amministratore non può essere cambiato senza un reset di fabbrica. L’account amministratore può aggiungere account aggiuntivi, ma gli account aggiuntivi non possono aggiungere altri account.

L’app sharing è da oggi applicata in maniera automatica a tutte le nuove app nell’Oculus Quest Store, mentre per quanto riguarda quelle già esistenti con il tempo la maggior parte riceverà il supporto anche agli utenti aggiuntivi. Oculus è convinto che il multi-account e l’app sharing si riveleranno vantaggiosi sia per gli utenti che per gli sviluppatori, con la speranza che aiutino entrambi a ottenere il massimo dai dispositivi Quest.

Al momento l’azienda sta implementando su Quest 2 le funzionalità in qualità di caratteristiche sperimentali, ma con il passare del tempo saranno ovviamente abilitate per tutti gli utenti dei dispositivi Quest.