Overwatch 2 Season 2: il Battle Pass rimane l'investimento più ragionevole

Overwatch 2 Season 2: il Battle Pass rimane l'investimento più ragionevole
Lorenzo Delli
Lorenzo Delli

Overwatch è cambiato. Con l'arrivo del secondo capitolo sono state stravolte alcune delle dinamiche che da sempre caratterizzavano le partite, e come se non bastasse il modello di commercializzazione del gioco è mutato in modo estremamente drastico.

In tal senso la novità di maggior rilievo è da ricercarsi nel Battle Pass di cui vi ho già parlato in un approfondimento di ottobre. L'arrivo della Season 2, che porta con sé anche un nuovo Battle Pass, mi dà l'occasione di tornare su alcuni dei temi trattati qualche settimana fa.

Nel titolo l'ho scritto chiaramente: il Battle Pass al momento rimane l'investimento più sensato. Overwatch 2 è diventato a tutti gli effetti un gioco free-to-play, e con un po' di pazienza e facendo attenzione alla schermata delle sfide, anche i nuovi eroi possono essere sbloccati senza spendere un centesimo. E alla fine è questo ciò che conta: che tutti i giocatori possano avvere accesso agli stessi strumenti per poter affrontare le Competitive senza nessun vantaggio pratico per chi decide di investire soldi nel gioco.

Prendiamo l'esempio degli eroi arrivati nella Season 1 di Overwatch 2: Kiriko, Junker Queen e Soujourn. Ipotizzando che siano tutti bloccati, in questa Season 2 per sbloccarli è necessario affrontare una serie di sfide, sfide che non sono niente di impossibile o particolarmente complicato. Per sbloccare Kiriko dovrete eseguire una serie di azioni di base nella modalità Addestramento, questione quindi di pochi minuti se sapete cosa fare, e vincere 35 partite entrando in coda come Supporter o come "Tutti i ruoli". Niente di impossibile. Ci vorrà un po' ovviamente, ma l'importante è poterli recuperare senza grossi impedimenti. E per chi non volesse "buttare" via troppo tempo dietro alle sfide, gli eroi sono ovviamente sbloccabili dal Negozio in game.

Quindi perché si dovrebbe investire soldi nel Battle Pass? Per sbloccare subito gli eroi nuovi? Anche, ma rimane il fatto che anche sbloccando subito Ramattra poi non potrete giocarlo in competitiva, almeno fino alla prossima stagione. Ovviamente se siete così curiosi da volerlo giocare quanto prima nelle Partite Rapide i 10€ del Battle Pass sono una cifra ragionevole, ma c'è anche altro che potrebbe spingervi tra le braccia del pass battaglia.

Le skin dei personaggi sono purtroppo diventate qualcosa di virtualmente irraggiungibile. Su base settimanale arrivano sul Negozio online degli aspetti per i personaggi a dir poco fantastici. C'è un solo problema: costano una follia, senza mezzi termini. Si tratta di mere aggiunte estetiche, ma a questi prezzi sono proibitivi. L'unico modo per accumulare un po' di aspetti, comunque carini, per i personaggi senza svenarsi è proprio il Battle Pass. Facciamo due conti. Il Battle Pass base costa 9,99€. Una stagione dura 9 settimane. In un anno quindi ci saranno circa 6 stagioni, e acquistando tutti i Battle Pass si arriva a spendere qualcosa come 60€, il prezzo di un gioco tripla A qualsiasi. Anzi meno, visto che su Console i prezzi stanno diventando anche ben più alti dei canonici 60€ che si spende su PC. Con 60€ avrete accesso immediato a tutti i nuovi eroi e una selezione di skin per tutti gli eroi, emote, spray, animazioni e varie altre aggiunte sempre a livello estetico.

Come se non bastasse, il Battle Pass è anche l'unico metodo (almeno per il momento) per ottenere le nuove skin Mitiche personalizzabili. Solito discorso: si tratta di modifiche estetiche opzionali per cui non tutti sono disposti ad investire soldi. Ma vedendo le cose dalla giusta prospettiva, al momento potete optare per le due strade appena esposte: non spendere nulla e darsi da fare con le sfide per sbloccare gli eroi nelle stagioni successive al loro lancio; investire 10€ ogni 9 settimane e avere una buona dose di contenuti estetici (a patto di giocare almeno un po' di tempo ogni settimana) e il nuovo eroe sbloccato immediatamente (anche se non per le competitive).

È un Battle Pass all'altezza di quello di Fortnite che ripaga anche con crediti da rispendere nel negozio in gioco? Probabilmente no. Erano meglio le casse premio di prima e il modo in cui venivano gestiti gli eventi? Possibile, anche se si trattava di un modello di commercializzazione diverso.

Rimane il fatto che Overwatch 2 oramai è così, prendere o lasciare, e considerato che al momento è possibile giocarci senza spendere un centesimo forse non è il caso di lamentarsi troppo.

Mostra i commenti