PS5: l’SSD non serve solo per i caricamenti ma anche per mondi più ricchi

Matteo Bottin

PlayStation 5 avrà un SSD, e di questo ne siamo certi. Se finora i vantaggi emersi si basavano tutti su fattori molto tangibili nell’esperienza videoludica (come i tempi di caricamento), pare che questi non siano gli unici a spiccare.

Renaud Charpentier, game director del team che sta dietro a Lornsword: Winter Chronicle, ha dichiarato che l’SSD arricchirà notevolmente l’esperienza dei prossimi giochi non solo per via di caricamenti molto rapidi, ma anche per la possibilità di creare mondi molto più ricchi.

“Noterete che i caricamenti di Lornsword sono piuttosto brevi anche sull’attuale generazione di console, crediamo che sia importante non essere allontanati dall’esperienza una volta iniziata. Gli SSD aiuteranno molto con questo aspetto anche con i giochi più pesanti ma potrebbero anche aiutare con ciò che è possibile proporre in tempo reale.

“Se l’accesso alla memoria di massa è molto veloce può diventare una sorta di RAM secondaria “più lenta” in cui si possono immagazzinare strutture di molti dati che non necessitano ogni singolo frame. Questo può aprire a simulazioni più complesse e a mondi più ricchi e quindi sarà molto interessante sondarne le possibilità”.

Renaud Charpentier

In questo modo sarà possibile creare dei mondi molto più complessi sia dal punto di vista grafico che di contenuti. Che sia l’SSD il vero punto di forza della prossima generazione di console?

Via: EurogamerFonte: Gaming Bolt