Se la tabella di marcia di PS5 è fin troppo chiara, perché non speculare su PS5 Pro? Ecco quando potrebbe uscire

Edoardo Carlo Ceretti

È noto a tutti gli appassionati di console da gioco che PS5 debutterà durante le festività natalizie del 2020, mettendo in atto una sfida a viso aperto con la concorrente Xbox Project Scarlett di Microsoft. Tra un anno dunque ne vedremo delle belle, ma i fan incontentabili guardano già oltre, ovvero al possibile lancio di PS5 Pro: ma cosa sappiamo a riguardo al momento?

A settembre, il giornalista giapponese Zenji Nishikawa aveva ventilato l’ipotesi che la variante Pro di PS5 potesse debuttare in concomitanza con la versione standard di PS5. Un’idea che in molti hanno però giudicato troppo ardita, perché rischierebbe di generare confusione tra i videogiocatori, oltre ad una possibile concorrenza interna difficile da gestire. Sono poi arrivate le parole di Masayasu Ito – Executive Vice President of Hardware Engineering presso Sony Interactive Entertainment – a tratteggiare uno scenario alternativo e ben più credibile.

LEGGI ANCHE: Cosa regalare a Natale 2019

Ito ha infatti ripercorso la storia recente delle console da gioco, sottolineando come il ciclo vitale di ciascuna generazione si sia ormai accorciato dai 10 anni di un tempo, ai massimo 6/7 anni odierni. Pur ridottisi negli ultimi tempi, si tratta di archi temporali comunque lunghi, durante i quali le console faticano a stare al passo con il sempre più serrato avanzamento tecnologico, tanto da aver spinto Sony a lanciare PS4 Pro circa 3 anni dopo il debutto della versione standard e, guarda caso, a metà del suo ciclo vitale.

Queste considerazioni di Ito sono state lette dai più come una vera e propria apertura a una futura PS5 Pro, indicandone per giunta la possibile tabella di marcia: se infatti PS5 arriverà a fine 2020 e avrà un ciclo vitale previsto di 6 anni, è possibile ipotizzare che PS5 Pro debutterà a cavallo fra 2023 e 2024, per dar manforte ad una console che, per allora, inizierà a sentire gli acciacchi del tempo, insidiata dai sempreverdi PC e dai servizi di cloud gaming come Google Stadia.

Via: Let's Go Digital